Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 12:23
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

In Egitto nasce l’Uber per sole donne

Immagine di copertina
Credit: Uber

In Egitto è nato un nuovo servizio di trasporto automobilistico privato che si appresta a fare concorrenza a Uber e Careem sulle trafficate strade del Cairo. Si chiama Fyonka e la vera novità è che è un servizio di trasporto per sole donne.

Il servizio è riservato esclusivamente alle donne e anche gli autisti saranno solo di sesso femminile. Da quando la sua app è stata lanciata lo scorso 15 novembre, la società ha registrato in tutto oltre 400 corse.

“Miriamo a fornire un servizio di trasporto sicuro per ragazze e donne, siano esse clienti o conducenti” ha detto al sito statunitense Al Monitor il co-fondatore di Fyonka Abdullah Hussein.

Attraverso una ricerca di mercato, il team di Fyonka ha scoperto che ci sono 400mila conducenti che lavorano per Uber e Careem, ma tra questi solo 10mila sono donne. “C’è una questione di mancanza di opportunità per le donne in questa professione”, ha detto Hussein, che spera che Fyonka possa ridurre il divario di genere tra i conducenti attirando più donne nel settore.

Hussein ha anche detto che secondo lui la carenza di autisti di sesso femminile sia causata in parte da genitori o mariti che si oppongono al fatto che le loro figlie o mogli possano accompagnare clienti di sesso maschile. Alcune donne sono invece preoccupate di dover guidare i passeggeri verso destinazioni in cui potrebbero non sentirsi al sicuro.

Fyonka non si occupa solo di fornire un ambiente sicuro per clienti e conducenti, ma anche di permettere alle donne di emanciparsi in altri modi. A tal fine, la società destinerà una parte dei suoi profitti per aiutare a promuovere le piccole imprese gestite da donne e per combattere l’analfabetismo femminile nei villaggi rurali.

L’azienda ha infatti stretto accordi con la New Woman Foundation, un’organizzazione non governativa che si occupa di diritti delle donne e altre questioni, e con il Consiglio nazionale per le donne. Attraverso queste collaborazioni, Fyonka organizza seminari per donne che lavorano nel settore dell’artigianato, insegnando loro come commercializzare i loro prodotti, e sponsorizza corsi nelle aree rurali per aiutare coloro che non sanno leggere e scrivere a superare il loro analfabetismo.

Al momento ci sono 150 conducenti o partner registrati per lavorare con Fyonka. Manar, un’autista di Fyonka, era disoccupata prima di iniziare il nuovo lavoro. “Ho letto un annuncio sulla loro pagina di Facebook in cui si cercavano conducenti di sesso femminile”, ha detto ad Al-Monitor.

“Mi è piaciuta la loro idea.” Manar ha inoltre osservato: “Mio marito stava lavorando come autista con Uber. La sua auto è stata danneggiata perché aveva guidato in strade non asfaltate e strette nelle zone povere della città. Fyonka offrirà il servizio solo su strade asfaltate e principali al fine di proteggere le nostre auto”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Influencer di giorno, narcotrafficante di notte: arrestata la 19enne "Miss Cracolandia"
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Ti potrebbe interessare
Esteri / Influencer di giorno, narcotrafficante di notte: arrestata la 19enne "Miss Cracolandia"
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)
Esteri / Cade da una gru durante un video in diretta: morta a 23 anni la star di TikTok Xiao Qiumei
Esteri / Ora Bezos vuole la Luna: proposto alla Nasa lo sviluppo di un lander lunare
Esteri / Leverkusen, esplosione in un impianto chimico: almeno un morto. Le autorità: "Non uscite e tenete porte e finestre chiuse"
Ambiente / Il ceo di Philip Morris: “Favorevole al divieto totale di fumo entro il 2030”
Esteri / Costretti a vivere tra le macerie: le vite spezzate dei bambini a Raqqa
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento