Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il fast food vegetariano che guarda al futuro

Immagine di copertina

Eatsta offre insalate alle quinoa servite da robot, con l'obiettivo di rendere il cibo sano alla portata di tutti

L’industria dei fast food negli ultimi anni ha avuto una notevole svolta in termini commerciali che ha portato catene che offrono cibo sano o, in altri casi, cibo vegano, a fare seria concorrenza alle catene che offrono i tradizionali panini con l’hamburger. Eatsa è proprio uno di questi fast-food di nuova generazione, nato in California su iniziativa di David Friedberg, un imprenditore della Silicon Valley, e che sta aprendo punti vendita in tutti gli Stati Uniti.

Questo fast-food offre non solo cibo sano con l’intento di rendere più sana la dieta degli americani, spesso al centro di critiche per essere caratterizzata da un eccessivo consumo di cibi spazzatura con conseguente aumento dei casi di obesità e malattie cardiocircolatorie, ma guarda al futuro anche attraverso un sistema innovativo di ordinazioni.

Nei fast food di Eatsa, infatti, non ci sono cucine, non ci sono camerieri e non ci sono tavoli. Una volta dentro ci si avvicina a un tablet dove si scelgono gli ingredienti rigorosamente vegetariani della propria insalata che, una volta approvata, viene preparata da un robot in un tempo massimo di 90 secondi prima di essere ritirata dal cliente per un costo in genere di circa 7 dollari.

Secondo il creatore di Eatsa, questo sistema permette di mangiare cibo sano senza essere costretti a pagare cifre eccessivamente esose come spesso succede negli Stati Uniti.

Il menu, per quanto vegetariano, è molto vasto. L’ingrediente che più caratterizza le insalate di Eatsa è la quinoa, cui si possono affiancare humus, falafel, avocado e altri ingredienti.

La formula alla portata di tutti punta a rendere il cibo sano qualcosa che non sia un etichetta elitaria o modaiola, ma uno stile di vita che possa essere realmente alla portata di tutti a livello sia di costo che di accessibilità.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Qatar, un alto dirigente ammette che i lavoratori morti per preparare i Mondiali sono stati “tra i 400 e i 500”
Esteri / “Diritti tutelati dalla legge”: la Cina si difende dalle accuse di repressione del dissenso per le politiche anti-Covid
Esteri / Iran, 16enne uccisa perché indossava un cappello da baseball al posto dell’hijab
Ti potrebbe interessare
Esteri / Qatar, un alto dirigente ammette che i lavoratori morti per preparare i Mondiali sono stati “tra i 400 e i 500”
Esteri / “Diritti tutelati dalla legge”: la Cina si difende dalle accuse di repressione del dissenso per le politiche anti-Covid
Esteri / Iran, 16enne uccisa perché indossava un cappello da baseball al posto dell’hijab
Esteri / Mondiali, famiglie dei calciatori dell’Iran minacciate: “Violenze e torture se manifesteranno ancora contro il regime”
Esteri / Va dall'oculista per un banale controllo agli occhiali e torna a casa cieco
Esteri / Wikileaks, Lula chiede la liberazione di Assange: “Che crimine ha commesso?”
Esteri / Patrick Zaki, udienza aggiornata al 28 febbraio. Gli attivisti: “Memoria difensiva inascoltata”
Esteri / Ucraina, Kiev ripiomba nel buio: “Possiamo garantire la corrente massimo 6 ore al giorno”
Esteri / Un cane ha ucciso il padrone 32enne: ha premuto il grilletto di un fucile carico
Esteri / Assange, cinque grandi giornali del mondo fanno appello a Biden: “Fai cadere le accuse”