Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il neo presidente della Colombia Ivan Duque: “Il narcotraffico non sarà giustificato con la politica”

Immagine di copertina
Credit: Afp

L'ex senatore, appena insediato, ha proposto una riforma costituzionale in modo che il traffico di droga e il rapimento non possano essere giustificati per finalità politiche

Ivan Duque, avvocato di 42 anni, si è insediato alla presidenza della Colombia succedendo al liberale di centro-destra Juan Manuel Santos, al potere dal 2010 e che non poteva correre di nuovo dopo due mandati. Delfino dell’ex presidente Alvaro Uribe, ed eletto lo scorso giugno come candidato del Centro Democratico, ha prestato giuramento per un mandato di quattro anni in una cerimonia pubblica in Piazza Bolivar, nel centro storico di Bogotà. È il più giovane presidente della storia del paese.

In un discorso alla nazione durato circa un’ora, ha parlato di lotta alla corruzione, di rilancio dell’economia e ha illustrato i propri propositi di governo, sottolineando che in futuro “né il narcotraffico, né il sequestro potranno essere giustificati con finalità politiche, né come meccanismi per finanziarsi o promuovere una qualsivoglia causa”.

In diretta tv, il neopresidente ha affermato che fra i progetti immediatamente presentati al Palamento ce ne sarà uno che proibirà espressamente che “i gruppi armati illegali che sequestrano e trafficano droga pretendano di ottenere benefici mimetizzando i loro delitti con cause ideologiche”.

L’allusione è alle condizioni previste nell’Accordo di pace firmato nel 2016 dal governo di Santos con le Forze armate rivoluzionarie della Colombia (Farc), trasformatesi ora in una formazione politica, accordo che aveva messo fine a un conflitto durato più di cinquant’anni. Duque si oppone apertamente alla partecipazione alla vita politica degli ex ‘guerilleros’. Ma oltre alla riconciliazione con le FARC è in bilico anche la sorte delle piantagioni di coca, ai massimi livelli produttivi, con più di 209 mila ettari coltivati, e la sfida della sicurezza, in un paese colpito da ondate di omicidi ai danni di attivisti per i diritti umani.

Per l’ex senatore, si preannuncia un mandato tutto in salita. Sui social l’opposizione di sinistra e centro sinistra, a cominciare dal candidato sconfitto Gustavo Pedro, aveva invitato i propri sostenitori a scendere in piazza in modo pacifico proprio nel giorno dell’insediamento. Altri avversari del nuovo governo sono i dieci parlamentari dell’ex guerriglia delle Farc, trasformata in partito politico, insediati lo scorso 20 luglio senza essere stati eletti, come previsto dall’accordo di pace.

Il neo presidente eredita una Colombia profondamente divisa dopo otto anni di presidenza Santos, personalità che ha cristallizzato critiche e impopolarità, proprio per aver firmato gli accordi di pace con i guerriglieri, osteggiati dalla destra e da una parte dei colombiani.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Putin mi ha promesso che non ucciderà Zelensky”: il racconto dell’ex premier israeliano
Esteri / Papa Francesco, concluso il viaggio in Africa: “I cristiani possono cambiare la storia”
Esteri / La Cina minaccia “azioni in risposta” all’abbattimento del pallone spia che sorvolava gli Stati Uniti
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Putin mi ha promesso che non ucciderà Zelensky”: il racconto dell’ex premier israeliano
Esteri / Papa Francesco, concluso il viaggio in Africa: “I cristiani possono cambiare la storia”
Esteri / La Cina minaccia “azioni in risposta” all’abbattimento del pallone spia che sorvolava gli Stati Uniti
Esteri / Nonna si tatua tutto il corpo (tranne il viso): “Orgogliosa di essere una tela vivente”
Esteri / Stati Uniti, abbattuto il pallone-spia cinese. La Difesa: “Sorvegliava siti strategici”
Esteri / La svolta autoritaria di Netanyahu rischia di trasformare Israele in una democratura
Esteri / Dal gas ai fertilizzanti: così la guerra di Putin sconfina nel Sahara
Esteri / Ucraina, Corea, Taiwan, Africa, Medio Oriente: ecco tutte le guerre di cui dovremo preoccuparci nel 2023
Esteri / In Ucraina la strada verso l’escalation è lastricata di armi (di S. Mentana)
Esteri / Furto a luci rosse in Spagna: rubati sex toys placcati in oro 24 carati