Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Duisburg, dove si trova la città protagonista della Strage di Ferragosto?

Immagine di copertina

DUISBURG GERMANIA DOVE SI TROVA – Duisburg è una città tedesca. Situata nella Land del Renania Settentrionale-Vestfalia della Germania, Duisburg è conosciuta principalmente per la terribile strage di Ferragosto, nota anche come strage di Duisburg, nella quale persero la vita sei giovani calabresi.

Duisburg è definito un grande centro industriale e il principale polo siderurgico tedesco per la produzione dell’acciaio.

Qual è la particolarità della città? Che dispone del più grande porto interno del mondo (Duisport).

Tutto quello che c’è da sapere su Duisburg Linea di sangue

Il nome della cittadina tedesca è comparso per la prima volta in un documento dell’883, in seguito all’invasione dei Normanni.

La strage di Duisburg del 2007 non è stato l’unico tragico evento in cui hanno perso la vita delle persone.

Purtroppo, il 24 luglio 2010 è avvenuto il Disastro della LoveParade: all’epoca, presso la grande area dello scalo merci della Beutsche Bahn, si stava svolgendo la Love Parade, un popolare festival di musica dance nato a Berlino e poi replicato in tutto il mondo, quando è avvenuta la tragedia che ha visto 21 vittime e 510 feriti.

Duisburg Germania dove si trova | Strage di Ferragosto | Strage di Duisburg

La strage di Duisburg è nota in tutta Europa, in particolare tra Italia e Germania perché, nel 2007, sei giovani calabresi furono uccisi brutalmente a Duisburg, in Germania.

Erano le 2 di notte quando i ragazzi abbandonarono il ristorante “Da Bruno”, pronti a dirigersi altrove con le loro autovetture, e furono aggrediti da due killer.

Settanta colpi per sei ragazzi. I giovani calabresi, come colpo di grazia, furono sparati alla testa, gli assassini volevano essere sicuri che fossero morti.

A ritrovare i cadaveri fu un passante qualche minuto dopo. Dei sei, soltanto uno era ancora in vita ma morì durante il trasporto in ospedale.

L’ideatore della strage di Duisburg è stato poi arrestato nel 2009: si tratta di Giovanni Strangio, uno dei più ricercati latitanti dalle forze dell’ordine fermato ad Amsterdam. Nel 2010 sono stati poi arrestati i presunti partecipanti alla strage, coloro che spararono i sei ragazzi: Giuseppe e Sebastiano Nirta. Poi, nel 2017, è stato arrestato Antonio Strangio.

La strage di Duisburg è serviva come spunto per realizzare il film del 2019, Duisburg Linea di sangue, in onda su Rai 1.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Italiana arrestata in Turchia alla manifestazione contro la violenza sulle donne”: le attiviste di Mor Dayanisma
Esteri / “Putin vuole far uccidere Lukashenko”: l’ipotesi del complotto per trascinare la Bielorussia in guerra
Esteri / La chef stellata: “Chi prenota al ristorante e non si presenta paga 75 euro di penale”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Italiana arrestata in Turchia alla manifestazione contro la violenza sulle donne”: le attiviste di Mor Dayanisma
Esteri / “Putin vuole far uccidere Lukashenko”: l’ipotesi del complotto per trascinare la Bielorussia in guerra
Esteri / La chef stellata: “Chi prenota al ristorante e non si presenta paga 75 euro di penale”
Esteri / Migranti, ancora tensioni Francia-Italia: “Roma apra i suoi porti alle Ong, altrimenti niente ricollocamenti”
Esteri / Putin alle madri dei soldati russi: “I vostri figli sono eroi”
Esteri / “Tentò di violentarmi in un camerino”: giornalista americana denuncia Trump per violenza sessuale e diffamazione
Esteri / Criticava il regime sui social, arrestato in Iran l’ex star della nazionale Voria Ghafouri
Calcio / Così il Qatar si è “comprato” i Mondiali per spacciarsi come Paese aperto e moderno
Esteri / Esclusivo TPI – Mondiali Insanguinati: ecco le condizioni disumane di lavoro degli operai che hanno costruito gli stadi in Qatar
Esteri / Armi, gas e militari: così l'Italia si inchina all'emiro del Qatar