Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Dugina, Mosca accusa i servizi ucraini: “Uccisa da una donna fuggita in Estonia”. Putin: “Crimine vile e crudele”

Immagine di copertina

Dugina, Mosca accusa i servizi ucraini: “Uccisa da una donna fuggita in Estonia”. Putin: “Crimine vile e crudele”

A meno di due giorni dall’attentato che ha tolto la vita a Daria Dugina, figlia dell’ideologo ultranzionalista Aleksandr Dugin, le autorità russe hanno individuato il colpevole. A essere accusata è una cittadina ucraina, Natalya Pavlovna Vovk, scappata in Estonia subito dopo la morte della 29enne. “Un crimine spregevole e crudele”, ha commentato oggi Vladimir Putin, che ha descritto Dugina come “una persona brillante e talentuosa” e una “patriota russa”. L’attivista e giornalista è morta sabato sera nell’esplosione di un ordigno collocato sotto il sedile della sua automobile, nei pressi di Mosca. Secondo le prime ricostruzioni, nell’auto si sarebbe potuto trovare anche il padre, che avrebbe scelto di usare un’altra auto all’ultimo minuto.

Anche Dugin ha commentato pubblicamente l’accaduto, chiedendo “più della semplice vendetta o punizione”. “Abbiamo solo bisogno della nostra Vittoria”, ha detto il politologo di estrema destra, affermando che sua figlia è stata uccisa “di fronte ai miei occhi”.

Secondo i servizi russi, a piazzare la bomba sarebbe stata la 43enne Vovk, entrata in Russia con la figlia dodicenne il 23 luglio scorso. Il Servizio federale per la sicurezza della Federazione russa (Fsb) l’ha accusata di aver agito per conto dei servizi ucraini, affittando un appartamento nello stesso stabile di Dugina per sorvegliarla. Sabato sera Vovk avrebbe seguito Dugina al festival “Tradizioni”, a cui si trovava anche il padre della vittima, e avrebbe collocato l’ordigno, prima di lasciare il paese usando una Mini Cooper a cui avrebbe cambiato più volte la targa.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Arabia Saudita: Mohammed bin Salman rimpiazza il padre e diventa Primo Ministro
Esteri / L’ambasciata Usa a Mosca ha chiesto ai cittadini americani di lasciare subito la Russia
Esteri / Minaccia nucleare, bando urgente di Mosca per l’acquisto di ioduro di potassio
Ti potrebbe interessare
Esteri / Arabia Saudita: Mohammed bin Salman rimpiazza il padre e diventa Primo Ministro
Esteri / L’ambasciata Usa a Mosca ha chiesto ai cittadini americani di lasciare subito la Russia
Esteri / Minaccia nucleare, bando urgente di Mosca per l’acquisto di ioduro di potassio
Esteri / Ucraina, referendum in Donbass: vincono i sì con oltre il 90%
Esteri / Iran, la minaccia della polizia per piegare la rivoluzione: “Useremo tutta la forza”
Esteri / La provocazione di Putin: Edward Snowden diventa cittadino russo
Esteri / Gas, perdite nei gasdotti Nord Stream 1 e 2: “Danni deliberati”
Esteri / Patrick Zaki, ipotesi prolungamento processo
Esteri / In fuga da Putin, le autorità della Finlandia: “Oltre 7mila russi entrati lunedì dalla frontiera”
Esteri / Medvedev: “La Russia ha il diritto di usare le armi nucleari se necessario, la Nato non interferirà”