Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:42
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Dugina, Mosca accusa i servizi ucraini: “Uccisa da una donna fuggita in Estonia”. Putin: “Crimine vile e crudele”

Immagine di copertina

Dugina, Mosca accusa i servizi ucraini: “Uccisa da una donna fuggita in Estonia”. Putin: “Crimine vile e crudele”

A meno di due giorni dall’attentato che ha tolto la vita a Daria Dugina, figlia dell’ideologo ultranzionalista Aleksandr Dugin, le autorità russe hanno individuato il colpevole. A essere accusata è una cittadina ucraina, Natalya Pavlovna Vovk, scappata in Estonia subito dopo la morte della 29enne. “Un crimine spregevole e crudele”, ha commentato oggi Vladimir Putin, che ha descritto Dugina come “una persona brillante e talentuosa” e una “patriota russa”. L’attivista e giornalista è morta sabato sera nell’esplosione di un ordigno collocato sotto il sedile della sua automobile, nei pressi di Mosca. Secondo le prime ricostruzioni, nell’auto si sarebbe potuto trovare anche il padre, che avrebbe scelto di usare un’altra auto all’ultimo minuto.

Anche Dugin ha commentato pubblicamente l’accaduto, chiedendo “più della semplice vendetta o punizione”. “Abbiamo solo bisogno della nostra Vittoria”, ha detto il politologo di estrema destra, affermando che sua figlia è stata uccisa “di fronte ai miei occhi”.

Secondo i servizi russi, a piazzare la bomba sarebbe stata la 43enne Vovk, entrata in Russia con la figlia dodicenne il 23 luglio scorso. Il Servizio federale per la sicurezza della Federazione russa (Fsb) l’ha accusata di aver agito per conto dei servizi ucraini, affittando un appartamento nello stesso stabile di Dugina per sorvegliarla. Sabato sera Vovk avrebbe seguito Dugina al festival “Tradizioni”, a cui si trovava anche il padre della vittima, e avrebbe collocato l’ordigno, prima di lasciare il paese usando una Mini Cooper a cui avrebbe cambiato più volte la targa.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Netanyahu agli Usa: “Stop al blocco delle armi”. Tensioni tra Israele e Libano, approvati e validati piani operativi per un’offensiva
Esteri / Bimba si sente male in volo e muore dopo l’atterraggio d’emergenza
Esteri / Inviato Usa: “Evitare una guerra più grande tra Israele e il Libano”. Media: “Almeno 17 morti in un raid di Israele sul campo profughi di Nuseirat”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Netanyahu agli Usa: “Stop al blocco delle armi”. Tensioni tra Israele e Libano, approvati e validati piani operativi per un’offensiva
Esteri / Bimba si sente male in volo e muore dopo l’atterraggio d’emergenza
Esteri / Inviato Usa: “Evitare una guerra più grande tra Israele e il Libano”. Media: “Almeno 17 morti in un raid di Israele sul campo profughi di Nuseirat”
Esteri / Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra dopo l’uscita di Gantz, bombe su Gaza: almeno 6 morti
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel
Esteri / Da Gaza a Taiwan, Francesco Maringiò a TPI: “Vi spiego com’è il mondo visto dalla Cina”
Esteri / Reportage TPI: Belfast è lo specchio del conflitto in Medio Oriente