Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Il meraviglioso sogno di Yassin

Immagine di copertina

Arrivato dalla Siria, Yassin voleva solo lavorare, vendere falafel in un posto tutto suo. Oggi il suo locale è un esempio di integrazione e speranza per gli Stati Uniti

Quando Yassin e la sua famiglia arrivarono a Knoxville, negli Stati Uniti, non avevano nulla. Fuggiti dalla Siria nel 2011, si ritrovarono senza casa, senza parenti, senza amici o conoscenti a cui poter chiedere aiuto nella loro nuova città. La vita del rifugiato, racconta Yassin nel breve documentario, è dura. 

Yassin non poteva lavorare e non conosceva nemmeno la lingua. Il primo posto dove si recò fu la moschea locale, nella quale gli offrirono di provvedere periodicamente a un pasto per lui e la sua famiglia, ma lui non volle accettare. Yassin voleva lavorare e il suo sogno era quello di poter vendere falafel, cucinati da lui, per portare la cultura e la gastronomia della Siria negli Stati Uniti. 

Si mise a venderli proprio davanti alla moschea, ogni giorno, per due anni. Furono proprio i fedeli a decidere di radunare il denaro che sarebbe servito a Yassin per aprire un posto tutto suo, dove poter cucinare e vendere i suoi falafel. Oggi il locale di Yassin non è solo un luogo di ristoro, ma un punto di incontro per tutti coloro che rifiutano ogni forma di discriminazione e sognano un’America multiculturale e tollerante. 

Di seguito, la storia di Yassin, nel commovente documentario, di Malcolm Pullinger e Mohammad Gorjestani. 

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Timori Usa: “Hezbollah può sopraffare difesa aerea Israele”. Media: raid su Gaza, almeno 8 morti
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Wall Street Journal: “Solo 50 ostaggi israeliani ancora in vita, 66 sarebbero morti”. Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Timori Usa: “Hezbollah può sopraffare difesa aerea Israele”. Media: raid su Gaza, almeno 8 morti
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Wall Street Journal: “Solo 50 ostaggi israeliani ancora in vita, 66 sarebbero morti”. Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”
Esteri / Netanyahu agli Usa: “Stop al blocco delle armi”. Tensioni tra Israele e Libano, approvati e validati piani operativi per un’offensiva
Esteri / Bimba si sente male in volo e muore dopo l’atterraggio d’emergenza
Esteri / Inviato Usa: “Evitare una guerra più grande tra Israele e il Libano”. Media: “Almeno 17 morti in un raid di Israele sul campo profughi di Nuseirat”
Esteri / Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra dopo l’uscita di Gantz, bombe su Gaza: almeno 6 morti
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg