Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 13:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Una donna è morta dopo essere stata scaraventata a terra dal getto d’aria di un aereo

Immagine di copertina

L'incidente è avvenuto nei pressi della spiaggia di Maho Beach, nei Caraibi. La 57enne stava sostando nell'area che separa l’aeroporto dalla spiaggia

Una donna neozelandese di 57 anni è morta vicino alla spiaggia di Maho Beach, nei Caraibi, dopo esser stata travolta dal getto d’aria causato dal motore di un jet in partenza dall’aeroporto internazionale Princess Juliana.

L’incidente è avvenuto a pochi metri dalla spiaggia: ai bagnanti è fatto divieto di camminare lungo la recinzione che separa la spiaggia dell’aeroporto, punto nel quale gli spostamenti d’aria creati dagli aerei che decollano o atterrano sono molto forti. La polizia ha detto che la donna è rimasta vicino alla recinzione fino a quando la forza del motore jet l’ha scaraventata a terra, causandole gravi lesioni.

La signora è stata subito soccorsa e trasportata in ospedale, ma le condizioni erano troppo gravi ed è morta poco dopo.

Il Maarten Princess Juliana International Airport serve la parte olandese dell’isola di Saint Martin nei Caraibi, ed è considerato tra gli aeroporti più pericolosi al mondo.

Lo scalo è famoso per la sua pista di atterraggio lunga soli 2.180 metri, appena sufficienti per velivoli come il Boeing 747.

A causa di questo particolare gli aerei devono forzatamente atterrare alla pista 10, passando a bassissima quota sopra la spiaggia di Maho Beach. Di conseguenza, la spiaggia è divenuta un luogo molto frequentato dai turisti e curiosi, che vi si recano per provare l’ebbrezza di vedere enormi velivoli passare in volo a pochi metri da terra, o di essere investiti dal jet blast, vento fortissimo causato dal getto dei motori a reazione.

Sono numerosi i cartelli che avvertono i bagnanti sul pericolo di sostare nelle aree intorno alle recinzioni, proprio per il pericolo dei potenti getti d’aria procurati dai motori dei veivoli.

Nonostante il pericolo, sono diversi i video in circolazione sul web che mostrano i turisti aggrappanti alle recinzioni per non essere spazzati via e, in alcuni casi, quasi sollevati dal suolo.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Von der Leyen contro la legge ungherese anti-Lgbt: “È una vergogna”
Esteri / Hong Kong: dopo gli arresti chiude l’Apple Daily, principale quotidiano pro-democrazia
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Ti potrebbe interessare
Esteri / Von der Leyen contro la legge ungherese anti-Lgbt: “È una vergogna”
Esteri / Hong Kong: dopo gli arresti chiude l’Apple Daily, principale quotidiano pro-democrazia
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi