Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:20
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Una donna è stata licenziata dopo aver mostrato il dito medio a Donald Trump

Immagine di copertina
Credit: Afp

La fotografia del gestaccio di Juli Briskman al corteo di automobili presidenziali in Virginia ha fatto il giro del mondo, diventando un simbolo dell'impopolarità del presidente

Pochi giorni fa, la fotografia di una donna in bicicletta che mostrava il dito medio verso il corteo di automobili presidenziali che stava scortando Donald Trump fuori dal Trump National Golf Club sul fiume Potomac, in Virginia, ha fatto il giro del mondo, diventando un simbolo dello scontento diffuso nei confronti dell’inquilino della Casa Bianca, la cui popolarità a pochi mesi dall’insediamento è ai minimi storici.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Un gesto forte che è costato caro alla sua autrice, la cinquantenne Juli Briskman. L’azienda per cui lavorava da sei mesi come specialista di marketing e comunicazione, la Akima, ha infatti deciso di licenziarla perché la foto, utilizzata dalla stessa donna come immagine profilo sui suoi account social, va contro le regole aziendali che vietano la diffusione di immagini oscene da parte dei dipendenti.

Un provvedimento duro che è stato contestato da Briskman, in quanto né su Facebook, né su Twitter c’erano riferimenti al suo ruolo nell’azienda. Oltre a questo, l’ex dipendente della Akima ha fatto riferimento al caso di un suo ex collega che, nonostante la pubblicazione di insulti, è stato semplicemente ripreso dalla ditta, che spesso partecipa a gare d’appalto indette dal governo.

Il licenziamento è stato criticato anche da tanti utenti sui social, che considerano la decisione dei dirigenti della Akima uno schiaffo alla libertà di pensiero e al primo emendamento della Costituzione statunitense.

Nonostante tutto, Juli Briskman ha detto di non essersi pentita affatto del gestaccio nei confronti di Donald Trump. Al contrario, è felice di essere diventata un simbolo della protesta dei suoi oppositori: “Sono arrabbiata e inorridita per come vanno le cose nel nostro paese al giorno d’oggi. Quella che ho avuto è stata un’opportunità per far sentire il mio dissenso”.

Pochi giorni dopo lo scatto, immortalato lo scorso 28 ottobre dal fotoreporter di Afp Brendan Smialowski, Briskman aveva detto all’Huffington Post: “Mentre l’auto di Trump mi passava accanto mi sono sentita ribollire il sangue. Ho pensato ai beneficiari del Daca, all’Obamacare e al fatto che solo un terzo della popolazione di Porto Rico abbia la corrente elettrica. E ho pensato che lui si trovava per l’ennesima volta in quel dannato campo da golf”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il presidente delle Filippine Duterte minaccia l’arresto per chi rifiuta il vaccino
Esteri / Madrid concede la grazia ai separatisti catalani condannati per il referendum del 2017
Esteri / Un messaggio in bottiglia ha unito due adolescenti attraverso l’Oceano Atlantico, a distanza di 3 anni
Esteri / “Le guardie libiche violentano le minorenni nei centri di detenzione”
Esteri / Svezia, sfiduciato il governo per la prima volta. Scontro sulla legge per liberalizzare gli affitti
Esteri / “L’Unione Europea ha un piano per tagliare le serie tv britanniche da Netflix e Amazon”
Esteri / Cina, il Covid non ferma il festival di Yulin: “Trucidati migliaia di cani”
Esteri / Quell’umanità in fuga tra macerie e ricordi
Esteri / Un “caso Floyd” in Europa: vittima un uomo di etnia Rom
Esteri / L'obbedienza agli Usa non è una virtù: vuol dire essere succubi del capitalismo finanziario (di A. Di Battista)