Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Una donna è stata licenziata dopo aver mostrato il dito medio a Donald Trump

Immagine di copertina
Credit: Afp

La fotografia del gestaccio di Juli Briskman al corteo di automobili presidenziali in Virginia ha fatto il giro del mondo, diventando un simbolo dell'impopolarità del presidente

Pochi giorni fa, la fotografia di una donna in bicicletta che mostrava il dito medio verso il corteo di automobili presidenziali che stava scortando Donald Trump fuori dal Trump National Golf Club sul fiume Potomac, in Virginia, ha fatto il giro del mondo, diventando un simbolo dello scontento diffuso nei confronti dell’inquilino della Casa Bianca, la cui popolarità a pochi mesi dall’insediamento è ai minimi storici.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Un gesto forte che è costato caro alla sua autrice, la cinquantenne Juli Briskman. L’azienda per cui lavorava da sei mesi come specialista di marketing e comunicazione, la Akima, ha infatti deciso di licenziarla perché la foto, utilizzata dalla stessa donna come immagine profilo sui suoi account social, va contro le regole aziendali che vietano la diffusione di immagini oscene da parte dei dipendenti.

Un provvedimento duro che è stato contestato da Briskman, in quanto né su Facebook, né su Twitter c’erano riferimenti al suo ruolo nell’azienda. Oltre a questo, l’ex dipendente della Akima ha fatto riferimento al caso di un suo ex collega che, nonostante la pubblicazione di insulti, è stato semplicemente ripreso dalla ditta, che spesso partecipa a gare d’appalto indette dal governo.

Il licenziamento è stato criticato anche da tanti utenti sui social, che considerano la decisione dei dirigenti della Akima uno schiaffo alla libertà di pensiero e al primo emendamento della Costituzione statunitense.

Nonostante tutto, Juli Briskman ha detto di non essersi pentita affatto del gestaccio nei confronti di Donald Trump. Al contrario, è felice di essere diventata un simbolo della protesta dei suoi oppositori: “Sono arrabbiata e inorridita per come vanno le cose nel nostro paese al giorno d’oggi. Quella che ho avuto è stata un’opportunità per far sentire il mio dissenso”.

Pochi giorni dopo lo scatto, immortalato lo scorso 28 ottobre dal fotoreporter di Afp Brendan Smialowski, Briskman aveva detto all’Huffington Post: “Mentre l’auto di Trump mi passava accanto mi sono sentita ribollire il sangue. Ho pensato ai beneficiari del Daca, all’Obamacare e al fatto che solo un terzo della popolazione di Porto Rico abbia la corrente elettrica. E ho pensato che lui si trovava per l’ennesima volta in quel dannato campo da golf”.

 

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Ambasciata italiana a Mosca: “Italiani valutino se lasciare Russia”
Esteri / Germania: via al tetto al prezzo dell'energia, prevista spesa di 200 miliardi
Esteri / Donne in piazza: in Iran scoppia la rivoluzione del velo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Ambasciata italiana a Mosca: “Italiani valutino se lasciare Russia”
Esteri / Germania: via al tetto al prezzo dell'energia, prevista spesa di 200 miliardi
Esteri / Donne in piazza: in Iran scoppia la rivoluzione del velo
Esteri / L’uragano Ian lascia al buio Cuba e devasta la Florida: più di due milioni di persone senza corrente elettrica
Esteri / Gasdotto Nord Stream, scoperta quarta falla. Svezia: “Quarta falla causata da esplosione”
Esteri / Il principe George avverte il compagno di classe: “Stai attento, mio padre sarà Re”
Esteri / Biden sulle elezioni in Italia: "Non c’è da essere ottimisti"
Esteri / Arabia Saudita: Mohammed bin Salman rimpiazza il padre e diventa Primo Ministro
Esteri / L’ambasciata Usa a Mosca ha chiesto ai cittadini americani di lasciare subito la Russia
Esteri / Minaccia nucleare, bando urgente di Mosca per l’acquisto di ioduro di potassio