Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 16:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La donna indiana a cui è stato estratto uno scarafaggio vivo dal cranio

Immagine di copertina

Una donna di 42 anni chiamata Selvi è andata in ospedale per un formicolio alla fronte e ha scoperto che un insetto si era fatto strada da 12 ore nel suo naso

Nella provincia di Chennai, in India, una donna di 42 anni chiamata Selvi è stata protagonista di uno scenario che, se non fosse stato reale, avrebbe potuto costituire la trama di un film horror.

Nella notte di martedì 31 gennaio, la donna stava dormendo quando intorno a mezzanotte ha sentito una sorta di formicolio alla narice destra che non accennava a smettere.

A occhio nudo la donna non riusciva a vedere nulla, né a spiegarsi quella sensazione, ma dentro di sé aveva l’idea, apparentemente assurda, che si trattasse di un insetto entrato nel suo setto nasale: “Ogni volta che si muoveva, avevo una sensazione di bruciore agli occhi”.

All’alba, insieme al genero, la donna si è recata alla clinica più vicina a casa sua, a Injambakkam, e poi a un secondo ospedale, in entrambi i casi senza che i medici riuscissero a capire a cosa fosse dovuto il suo disagio.

È stato soltanto alla quarta visita a una struttura ospedaliera, lo Stanley Medical College Hospital, che i medici hanno utilizzato un endoscopio per individuare il colpevole: uno scarafaggio vivo e non intenzionato ad uscire. L’insetto, i cui movimenti potevano essere percepiti dalla donna, era situato nella base cranica, tra gli occhi e il cervello.

I medici hanno prima tentato di utilizzare un dispositivo di aspirazione per rimuovere lo scarafaggio, poi hanno utilizzato le pinze, fino a che, dopo 45 minuti di tentativi, sono stati in grado di estrarre l’insetto ancora vivo e mobile. Secondo i chirurghi, l’animale si trovava all’interno del corpo della donna da circa 12 ore, come riporta il Times of India.

“Se lasciato all’interno, sarebbe morto in breve tempo e nella paziente si sarebbe sviluppata un’infezione, che sarebbe arrivata al cervello”, ha detto uno dei medici coinvolti.

Questo un video diffuso da Newslions Media in cui, attraverso una telecamera in miniatura della struttura ospedaliera, si vede il momento dell’estrazione dell’insetto:

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**
Ti potrebbe interessare
Esteri / Lumache giganti invadono il Sud della Florida: una città in quarantena
Esteri / Burkina Faso, strage di cristiani in un villaggio. Ci sono almeno 22 morti
Esteri / Chi è Robert Crimo, il rapper arrestato per la sparatoria del 4 luglio in Illinois
Ti potrebbe interessare
Esteri / Lumache giganti invadono il Sud della Florida: una città in quarantena
Esteri / Burkina Faso, strage di cristiani in un villaggio. Ci sono almeno 22 morti
Esteri / Chi è Robert Crimo, il rapper arrestato per la sparatoria del 4 luglio in Illinois
Esteri / Guerra in Ucraina. Nato: Stoltenberg, avviata ratifica adesione Svezia-Finlandia
Esteri / Usa, sparatoria alla parata del 4 luglio nell’area di Chicago: “almeno 5 morti e 16 feriti”
Esteri / Ricky Martin accusato di violenza domestica nei confronti dell’ex
Esteri / Usa, 25enne afroamericano ucciso con 60 colpi di pistola dalla polizia durante in inseguimento: il video
Esteri / Anticipazione TPI – Il razzismo verso afroamericani e minoranze negli Usa raccontato da “Il fattore umano”
Esteri / Guerra in Ucraina, Mosca: "Occidente non permette la pace”. Kiev: “Negoziati solo dopo cessate il fuoco”
Esteri / Usa, in Texas torna in vigore una legge del 1925 che vieta l’aborto e lo punisce col carcere