Me

Un uomo ha donato il suo rene a uno sconosciuto dopo aver letto un biglietto in un pacco eBay

Di Cristiana Mastronicola
Pubblicato il 17 Set. 2019 alle 08:03 Aggiornato il 17 Set. 2019 alle 08:06
Immagine di copertina
Ray Duffy e il biglietto che accompagnava il pacco di eBay

Dona un rene dopo aver letto un biglietto in un pacco eBay

Protagonista della storia incredibile è il 53enne Ray Duffy che è finito sotto ai ferri per diventare donatore di rene a uno sconosciuto, dopo aver letto un biglietto straziante che accompagnava un pacchetto di eBay. La storia arriva dalla Scozia, dove, nel 2013, Duffy si è ritrovato a leggere un bigliettino che accompagnava un pacchetto ordinato online dalla sua compagna.

In quel bigliettino Duffy ha letto le parole strazianti dei familiari della famiglia del venditore dell’oggetto in questione. La donna che ha impacchettato l’oggetto in questione l’ha fatto con una carta disegnata a mano, accompagnata da un biglietto in cui si sottolineavano le condizioni disperante del marito, che aspettava un trapianto di rene. L’uomo aveva perso il lavoro, così la sua famiglia aveva iniziato a vendere oggetti online pur di racimolare qualcosa.

Ray, papà di due bambini, si è commosso leggendo quel messaggio e ha conservato quel biglietto, senza avere idea di come poter aiutare quell’uomo. Due anni dopo Duffy si trovava nel bel mezzo del traffico, quando alla radio ha sentito parlare di donatori di organi viventi. Subito gli è tornato in mente quel bigliettino e così ha pensato di aiutare quell’uomo, sottoponendosi all’intervento. “Nel 2013, la mia compagna ha acquistato online un pacchetto che è arrivato accompagnato da un messaggio”, ha detto.

“Nel biglietto si leggevano i ringraziamenti della donna che spiegava come il marito fosse in attesa di un donatore di organi, avesse perso il lavoro e lei si fosse ritrovata a vendere quello di cui non avessero più bisogno online”, ha spiegato Duffy. “Nel biglietto c’era scritto anche che la donna aveva disegnato a mano gli animaletti sulla carta con cui aveva impacchettato l’oggetto per far sorridere chi li avesse aiutati. Io non ho mai dimenticato quel bigliettino”, ha spiegato ancora il 53enne.

“Si è trattato di un gesto carino da una completa sconosciuta. Mi sono sentito così nauseato: siamo nel 21esimo secolo e c’è gente che aspetta con difficoltà di ricevere un trapianto. Mi sentivo così impotente”, ha continuato Duffy. Leggendo il bigliettino aveva pensato tra sé e sé: “Se potessi, darei a suo marito il mio rene”, ma non sapeva se fosse possibile o legale. Alla radio, però, ascoltando quella trasmissione, gli è venuto subito in mente quello che era accaduto due anni prima.

“Per sbaglio mi sono sintonizzato su un canale radio in cui un uomo stava parlando della sua esperienza da donatore vivente. In quel momento sapevo solo che l’avrei fatto. Mi sono registrato a novembre e dopo gli esami mentali e fisici duranti un anno – effettuati per assicurarsi che fossi nelle condizioni idonee per donare – mi sono sottoposto all’operazione, nel marzo del 2017”, ha raccontato ancora l’uomo.

“So che per molti è una decisione enorme, ma per me è stata una cosa giusta”. Dopo l’operazione, Duffy si è ripreso completamente. Quello che si spera è che il gesto incredibile del 53enne venga imitato da tanti altri che, in buona salute, decidono di donare.

Come funziona la donazione di organi nel mondo