Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Cos’ha detto Donald Trump nella sua prima intervista televisiva dopo le elezioni

Immagine di copertina

Nel corso di una lunga intervista per il programma 60 Minutes della rete televisiva CBS, il nuovo presidente ha dato alcune anticipazioni sulle sue future poltiche

Dopo essere stato eletto presidente degli Stati Uniti lo scorso martedì 8 novembre, Donald Trump ha mantenuto le sue dichiarazioni al minimo, restando principalmente all’interno della sua Trump Tower newyorchese, se non per un incontro col suo predecessore Obama alla Casa Bianca.

Ieri è stata però rilasciata la prima intervista televisiva di Trump nel ruolo di presidente eletto, e nel corso di una lunga conversazione con Lesley Stahl all’interno del programma 60 Minutes della rete televisiva CBS, il magnate repubblicano ha esposto alcuni punti-chiave di quella che intende perseguire come sua politica da gennaio in poi.

La rivista Quartz ha riassunto alcuni dei punti salienti del colloquio, condotto venerdì 11 novembre e andato in onda domenica sera (13 novembre):

Sui 90 minuti di colloquio con Obama alla Casa Bianca il 10 novembre:

Trump ha detto di aver parlato tra le altre cose con Obama di Medio Oriente, Corea del Nord e assistenza sanitaria. “L’ho trovato fantastico, molto intelligente, molto cordiale, grande senso dell’umorismo. Posso non essere d’accordo con lui, ma ho davvero trovato la conversazione incredibilmente interessante”.

Sui suoi sostenitori che commettono crimini d’odio:

“Sono così addolorato nel sentire queste notizie, e dico: smettetela. E se può aiutare, lo dirò guardando dritto la telecamera: smettetela”.

Sulla sua futura condotta come presidente:

“Mi comporterò molto bene, ma dipenderà dalla situazione. A volte bisogna essere più duri. A volte hai bisogno di una certa retorica per motivare le persone”.

Sui suoi piani di deportazione per milioni di immigrati: 

Trump ha confermato la sua intenzione di costruire un muro tra Stati Uniti e Messico, e ha dichiarato che le deportazioni riguarderanno in primo luogo gli immigrati “che sono criminali e hanno trascorsi criminali: membri di gang, spacciatori di droga…”. Poi l’amministrazione si concentrerà su altri immigrati irregolari, ma solo dopo che il confine sarà al sicuro.

Se prenderà uno stipendio come presidente degli Stati Uniti:

“La risposta è no”, ha detto Trump, dichiarando di rinunciare al compenso standard di 400mila dollari annui per accontentarsi, nel caso fosse burocraticamente obbligatorio, di uno stipendio simbolico da 1 dollaro l’anno.

Se crede nel matrimonio tra persone dello stesso sesso:

“È irrilevante perché è stato già risolto, è legge, è stato già risolto presso la Corte Suprema. E a me va bene così”.

Sull’aborto:

Trump ha confermato di essere “pro-vita” e ha annunciato che nominerà giudici federali della sua stessa opinione. Se si dovesse giungere a una legislazione diversa per quanto riguarda l’aborto, le donne residenti negli stati dell’Unione che lo vieteranno “dovranno andare in un altro stato”, ha detto Trump.

Se cercherà di perseguire legalmente Hillary Clinton:

“Ci penserò. Sento che voglio concentrarmi sui posti di lavoro, voglio concentrarmi sulla sanità, voglio concentrarmi sul confine e l’immigrazione. Clinton ha fatto alcune cose sbagliate. Ma non voglio farle del male, lei e la sua famiglia sono brave persone. Vi darò una risposta più definitiva la prossima volta che parteciperò a 60 Minutes”.

Qui sotto, il video di 60 Minutes con l’intervista completa:

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Nei seminari c’è già troppa frociaggine”: la frase omofoba attribuita a Papa Francesco
Esteri / La Russia toglierà i talebani dalla lista delle organizzazioni terroristiche
Esteri / Papa Nuova Guinea: 670 morti e 2.000 sepolti vivi per una frana nella provincia di Enga
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Nei seminari c’è già troppa frociaggine”: la frase omofoba attribuita a Papa Francesco
Esteri / La Russia toglierà i talebani dalla lista delle organizzazioni terroristiche
Esteri / Papa Nuova Guinea: 670 morti e 2.000 sepolti vivi per una frana nella provincia di Enga
Esteri / Medvedev: “Se Usa attaccano obiettivi russi, sarà guerra mondiale"
Esteri / Gaza, raid israeliano su un campo per sfollati a Rafah: 45 morti. Idf: eliminati 2 comandanti di Hamas. Tel Aviv: "Civili uccisi da un incendio". Crosetto: "Ingiustificabile". Ue, Borrell accusa: "Ignorata la Corte de L'Aja". Qatar: "Complica i negoziati". Erdogan paragona Netanyahu a Hitler e Milosevic. Il premier: "tragico incidente". Lo Stato ebraico apre un'indagine militare. Sparatoria tra Idf e truppe egiziane al valico di Rafah: un morto. Oltre 36mila vittime e 81mila feriti dal 7 ottobre
Esteri / Russia-Ucraina, il segretario Nato Stoltenberg attacca la Cina: “Alimenta la guerra in Europa”
Esteri / Hamas lancia una raffica di razzi verso il centro di Israele. Tregua, i negoziati riprenderanno martedì in Egitto
Esteri / “Gli arabi vadano via, Gaza sarà nostra”: l’agghiacciante intervista alla madrina dei coloni israeliani Daniela Weiss
Esteri / Il segretario Nato Stoltenberg: “L’Ucraina dovrebbe poter usare le armi occidentali per colpire in Russia”
Esteri / Israele ignora la sentenza de L'Aja e insiste coi raid. Il ministro Ben-Gvir: "Corte antisemita"