Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:00
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La Turchia vuole introdurre una norma per depenalizzare i reati sessuali compiuti sui minori

Immagine di copertina

La proposta è stata avanzata dal partito conservatore Akp e ha come obiettivo quello di regolamentare le unioni precoci, ma secondo l'opposizione legittima solo gli abusi

In Turchia sta facendo discutere un disegno di legge che prevede la cancellazione dei reati di aggressione sessuale sui minori nei casi in cui l’atto è avvenuto in maniera consenziente, e se il responsabile dell’abuso decide di sposare la vittima.

S&D

Ovviamente, la proposta ha scatenato dure proteste in tutto il paese. Nei giorni scorsi, migliaia di manifestanti hanno invaso il centro di Istanbul per esprimere il loro sdegno verso una norma che, se dovesse essere approvata, legittimerebbe le persone condannate per stupro ad agire liberamente e incoraggerebbe l’abuso sui minori. 

Il disegno di legge è stato discusso in prima battuta nell’Assemblea di Ankara giovedì 17 novembre e sarà riproposto sul tavolo del confronto nei prossimi giorni. La proposta è stata avanzata dal partito conservatore di ispirazione religiosa del presidente Erdogan (AKP), con l’intento di regolamentare la consuetudine dei matrimoni tra minori piuttosto diffusi in Turchia, soprattutto nel sudest del paese. 

Se la norma dovesse essere approvata, permetterebbe la scarcerazione di uomini colpevoli di aver aggredito sessualmente dei minori e legittimerebbe tale atto se questo a suo tempo non è stato commesso con la forza o con le minacce. Inoltre, cadrebbero tutte le responsabilità penali laddove si ricorrerebbe al cosiddetto “matrimonio riparatore” con la vittima. 

L’età legale per contrarre il matrimonio in Turchia è fissato a 18 anni, ma le unioni precoci sono una pratica assai diffusa nel paese. La proposta ha infiammato gli animi dei gruppi d’opposizione, di numerose celebrità nazionali e perfino di un’associazione no profit la cui vice presidentessa è la figlia di Erdogan. 

Il 19 novembre scorso, i manifestanti sono scesi per le strade e hanno invaso le piazze non solo del centro di Istanbul, ma di altre città turche come Smirne e Trebisonda, sventolando cartelloni di protesta, strappando copie della legislazione e scandendo slogan come “lo stupro è un crimine contro l’umanità” e “gli abusi non possono essere legittimati”.

“L’Akp sta cercando di legittimare un testo che perdona coloro che sposano la bambina che hanno violentato”, ha replicato un parlamentare per l’opposizione del Partito Repubblicano del Popolo (Chp). 

(Qui sotto un video della protesta organizzata a Istanbul contro la proposta di legge presentata dal partito di Erdogan)

L’eco della protesta è arrivato anche sui social media. Su Twitter, l’hashtag #TecavuzMesrulastirilamaz (Lo stupro non può essere legittimato) è stato il più condiviso tra gli utenti che hanno espresso la loro rabbia. Nel frattempo, è stata lanciata una petizione su change.org al fine di esortare le autorità a bloccare l’approvazione della norma, che ha ricevuto finora oltre 600mila firme. 

Su questa linea critica anche l’Associazione delle donne e la democrazia (Kadema) presieduta nelle vesti di vice presidentessa dalla figlia del premier turco, Sümeyye Erdogan Bayraktar. Alcuni esponenti dell’organizzazione no profit si sono domandati in che modo si potesse dimostrare che l’atto sessuale compiuto su un minore fosse avvenuto senza l’uso della forza o con il consenso di quest’ultimo. 

“Come può essere identificata la volontà della ragazza coinvolta? Ecco, noi vorremmo richiamare l’attenzione proprio su questo punto e sui problemi che tale provvedimento potrà generare nel caso in cui entrasse in vigore”, ha commentato un membro dell’associazione Kadema. 

Non si è fatta attendere la replica del governo turco che ha respinto le accuse e le critiche ritenendole del tutto fuorvianti. Sull’argomento è intervenuto il primo ministro Binali Yıldırım, il quale ha sottolineato come ci siano persone che si sposano prima di raggiungere l’età legale. “Solo che non conoscono la legge”, ha ribadito Yildirim aggiungendo che questa norma mira proprio a “sbarazzarsi di questa ingiustizia”. 

Il ministro della giustizia turco, Bekir Bozdag, ha invece commentato così: “I matrimoni che coinvolgono i minori sono purtroppo una triste realtà in Turchia, ma gli uomini coinvolti non sono né stupratori né aggressori sessuali”. 

Già lo scorso luglio, prima del golpe fallito, la Corte Costituzionale turca aveva annullato una norma del codice penale che puniva come “abuso sessuale” qualunque atto sessuale che coinvolgesse un minore di 15 anni.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Esteri / Gaza: oltre 34.260 morti dal 7 ottobre. Media: "Il direttore dello Shin Bet e il capo di Stato maggiore dell'Idf in Egitto per discutere dell'offensiva a Rafah". Hamas diffonde il video di un ostaggio. Continuano gli scambi di colpi tra Tel Aviv e Hezbollah al confine con il Libano. L'Ue chiede indagine indipendente sulle fosse comuni a Khan Younis. Biden firma la legge per fornire aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan
Esteri / Gaza: oltre 34.180 morti. Hamas chiede un'escalation su tutti i fronti. Tel Aviv nega ogni coinvolgimento con le fosse comuni di Khan Younis. Libano, Idf: "Uccisi due comandanti di Hezbollah". Il gruppo lancia droni su due basi in Israele. Unrwa: "Impedito accesso ai convogli di cibo nel nord della Striscia"
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza, al-Jazeera: "Recuperati 73 corpi da altre tre fosse comuni a Khan Younis". Oic denuncia "crimini contro l'umanità". Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Macron chiede a Netanyahu "un cessate il fuoco immediato e duraturo". Erdogan: "Evitare escalation". Usa: "Nessuna sanzione per unità Idf, solo divieto di ricevere aiuti"
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini