Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 10:08
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

20enne con sindrome di down esce di casa con pistola giocattolo: poliziotti gli sparano e lo uccidono

Immagine di copertina
Eric Torrell

È accaduto a Stoccolma, in Svezia. Il ragazzo si era allontanato da casa ed è stato scambiato per un malvivente

Si era allontanato da casa in piena notte con una pistola giocattolo, ed è stato ucciso a colpi da arma da fuoco da alcuni poliziotti.

È la tragedia che ha colpito, in Svezia, un ragazzo di 20 anni affetto da autismo e sindrome di down. Eric Torrell, questo il suo nome, nel cuore della notte si era allontanato dalla sua abitazione di Stoccolma.

Erano circa le 4 del mattino, ed Eric si aggirava per il quartiere con in mano una pistola giocattolo. Avvistato da alcuni agenti, è stato scambiato per un malvivente.

“Agiva in modo minaccioso”, ha detto un poliziotto a un quotidiano svedese. Gli agenti erano convinti che quella pistola giocattolo fosse in realtà una mitragliatrice, e hanno crivellato Eric di colpi, uccidendolo.

La madre, disperata, ha detto che il ragazzo aveva “l’età mentale di un bambino di 3 anni e non poteva fare male a nessuno”.

La polizia di Stoccolma ha avviato un’indagine interna; gli agenti che hanno sparato rischiano ovviamente anche un’incriminazione.

Il padre di Eric ha raccontato quanto accaduto: “Mi sono svegliato perché Eric non c’era. Sono uscito e ho provato a cercarlo. Poi ho visto le auto della polizia sulla strada. Tre poliziotti gli hanno sparato allo stomaco”.

La madre ha chiarito come la pistola giocattolo fosse in casa da qualche anno, ma non fosse mai stata utilizzata dal figlio.

Il caso sta suscitando polemiche in Svezia sul modo in cui agisce la polizia, e sulla possibilità che una persona possa essere crivellata di colpi per il semplice sospetto che stia maneggiando un’arma da fuoco.

Il tutto, ovviamente, è acuito dalle condizioni del 20enne, autistico e affetto da sindrome di down. I genitori hanno fatto sapere che andranno avanti per fare chiarezza su quanto accaduto e ottenere giustizia.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Esteri / La balena inghiottisce il pescatore: l’uomo si salva per un colpo di tosse
Esteri / La morte di George Floyd e la pandemia da Covid-19: le storie che hanno vinto i premi Pulitzer del 2021
Ti potrebbe interessare
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Esteri / La balena inghiottisce il pescatore: l’uomo si salva per un colpo di tosse
Esteri / La morte di George Floyd e la pandemia da Covid-19: le storie che hanno vinto i premi Pulitzer del 2021
Esteri / L’Iran espelle una suora italiana
Esteri / Tensione fra Italia ed Emirati Arabi: a rischio la base strategica in Medio Oriente
Esteri / Perù: procuratore chiede l’arresto di Keiko Fujimori, candidata della destra alle recenti elezioni
Esteri / Putin protesta, l'Uefa ordina all'Ucraina di cambiare la maglia "politica"
Esteri / Usa, una canna di marijuana gratis a chi si fa il vaccino anti-Covid
Esteri / “Senza pace non c’è calcio”: in Colombia la protesta contro il governo arriva fuori dagli stadi
Esteri / Regno Unito, oltre 7.500 contagi in 24 ore: mai così tanti da febbraio