Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 17:53
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Regno Unito, si è dimessa la ministra dell’Interno Amber Rudd

Immagine di copertina
La dimissionaria ministra dell'Interno britannica Amber Rudd.

La ministra dell'Interno britannica, Amber Rudd, ha rassegnato le dimissioni in seguito a uno scandalo in cui è coinvolta per aver negato i diritti a una generazione di immigrati delle ex colonie caraibiche

La ministra dell’Interno britannica Amber Rudd si è dimessa con effetto immediato, secondo quanto riporta un comunicato di Downing Street.

L’annuncio è giunto nella tarda serata di domenica 29 aprile 2018.

La donna ha lasciato il suo incarico in seguito a uno scandalo in cui è coinvolta per aver negato i diritti a una generazione di immigrati delle ex colonie caraibiche.

Rudd aveva sempre negato di essere a conoscenza della vicenda, ma un memo ha provato il suo coinvolgimento.

La ministra dimissionaria era da tempo sotto pressione da parte dell’opposizione laburista per la gestione della controversa faccenda. Avrebbe dovuto tenere un discorso alla Camera proprio lunedì 30 aprile.

La premier britannica Theresa May ha accettato le dimissioni di Rudd.

Lo scandalo Windrush

La vicenda che ha costretto la ministra dell’Interno britannica a lasciare il proprio incarico è più comunemente nota con il nome di scandalo Windrush.

Tutto scoppiò quando si venne a sapere che alcuni immigrati provenienti dalle ex colonie del Commonwealth poi divenute indipendenti (precisamente di origine caraibica) erano stati dichiarati clandestini, e quindi privati di alcuni fondamentali diritti, nonostante si fossero trasferiti nel Regno Unito tra il 1948 e il 1971.

Intanto, nel paese, la premier britannica Theresa May è sotto pressione per l’attacco congiunto insieme a Francia e Stati Uniti in Siria: “Attacco in Siria era inevitabile”. Insorgono le opposizioni. La corrispondenza di Maurizio Carta da Londra.

• “I migranti sono l’ultima occasione storica per l’Occidente di dimostrare quello che dovrebbe essere” | • Tutte le ultime notizie dal Regno Unito

Ti potrebbe interessare
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza
Esteri / India, sequestrate tre tonnellate di eroina proveniente dall’Afghanistan