Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:35
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Dieci civili uccisi nei bombardamenti aerei dell’esercito siriano su Aleppo

Immagine di copertina

La tregua sempre più in bilico. I civili fuggono dalla città mentre il regime vuole avviare l'offensiva per riprendere il controllo della città in mano ai ribelli

Domenica 24 aprile, dieci civili sono stati uccisi e trenta sono rimasti feriti in un bombardamento condotto dall’aviazione del regime di Assad, che ha colpito un affollato mercato nella provincia di Aleppo, controllata dai ribelli. 

Ieri altri dodici civili erano morti in un attacco sferrato dai jet russi impegnati in Siria.

Dopo una breve pausa nei combattimenti, le bombe tornano a cadere costantemente nella provincia di Aleppo e l’escalation militare sta mettendo a dura prova la tregua, con entrambe le parti che si accusano reciprocamente di violazioni.

Le forze governative hanno annunciato nuovi attacchi che mirano a riprendere il controllo completo della città. Per difendere le posizioni, in queste ore starebbero entrando ad Aleppo rinforzi per i ribelli, compresi i militanti di al Nusra, legati ad al-Qaeda.

L’alleanza con gli estremisti sunniti ha scatenato la reazione dei curdi, che controllano le aree dalla provincia a nord della città vicino al confine con la Turchia e sono accusati dai ribelli di collaborare con Damasco.

Prima dello scoppio della guerra Aleppo era la più grande città della Siria, con due milioni di abitanti era la città più grande del paese e il principale polo economico. Adesso la città è spaccata a metà con aree controllate dai ribelli e altre dall’esercito siriano.

Con l’aiuto dell’aviazione russa e delle milizie libanesi sciite alleate del regime, l’esercito di Assad da febbraio è riuscito a tagliare le principali vie di rifornimento nelle aree controllate dagli oppositori.

Oggi, nelle aree controllate dai ribelli, oltre 300mila persone vivono sotto la minaccia quotidiana dei bombardamenti e molti hanno abbandonato la città.

I civili rischiano così di restare intrappolati nella città in guerra, anche perché la Turchia ha rinforzato in controlli alla frontiera, molti siriani vengono respinti e la situazione umanitaria sta tornando a essere preoccupante.

Riprendere il controllo della città è una delle priorità per il governo di Assad perché una vittoria ad Aleppo assesterebbe un colpo mortale alla ribellione moderata in Siria e un segnale alla vicina Turchia che aveva appoggiato l’insurrezione.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Nonostante la pandemia molti ospedali negli USA continuano a portare in tribunale i pazienti che non possono permettersi le cure
Esteri / Nati a pochi minuti di distanza, due gemelli indiani di 24 anni muoiono di Covid a poche ore l’uno dall’altro
Esteri / Le testimonianze da Gaza di due bambini di 10 anni: “Perché ci bombardate?”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Nonostante la pandemia molti ospedali negli USA continuano a portare in tribunale i pazienti che non possono permettersi le cure
Esteri / Nati a pochi minuti di distanza, due gemelli indiani di 24 anni muoiono di Covid a poche ore l’uno dall’altro
Esteri / Le testimonianze da Gaza di due bambini di 10 anni: “Perché ci bombardate?”
Esteri / Moni Ovadia a TPI: "Israele non ha mai voluto la pace"
Esteri / Naomi Campbell diventa madre a 51 anni: “Una piccola benedizione”
Esteri / Migranti, oltre 6.000 arrivi in un giorno a Ceuta: Sanchez annulla viaggio a Parigi
Esteri / Biden: "Israele ha il diritto di difendersi, appoggiamo il cessate il fuoco". Ma la tregua è lontana
Esteri / “Palestinian lives matter”: ora non è più solo Bernie Sanders a criticare Israele nel Congresso USA
Esteri / Associated Press chiede un’inchiesta indipendente sul bombardamento del palazzo dei media a Gaza
Esteri / “Bill Gates ha lasciato la presidenza Microsoft a causa di una relazione con una dipendente”