Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 04:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Dentro la scuola più costosa del mondo

Immagine di copertina
Credit: Le Rosey

Le tasse annuali ammontano a 108.900 franchi svizzeri, circa 100mila euro. Tra gli ex studenti vi sono re Alberto II del Belgio, lo Shah iraniano, il principe Ranieri di Monaco e il re Farouk d'Egitto

L’Institut Le Rosey in Svizzera è la scuola più costosa del mondo. In primavera e in estate il campus è quello della tenuta Château du Rosey del XIV secolo a Rolle, sul lago di Ginevra, in autunno e in inverno ci si trasferisce in uno chalet della stazione sciistica di Gstaad, sulle Alpi svizzere.

Le tasse annuali ammontano a 108.900 franchi svizzeri, circa 100mila euro.

Tra gli ex studenti vi sono re Alberto II del Belgio, lo Shah iraniano, il principe Ranieri di Monaco e il re Farouk d’Egitto.

Secondo alcuni dati diffusi dalla prestigiosa scuola, il 30 per cento dei suoi studenti accede alle università migliori del mondo, tra cui cui i college dell’Ivi League, il MIT e Oxbridge (Oxford e Cambridge).

“Siamo la più antica scuola internazionale della Svizzera. Abbiamo un certo peso a causa delle famiglie che sono passate di qui prima”, ha dichiarato Felipe Laurent, ex studente portavoce di Le Rosey, a Business Insider.

Le tasse annuali comprendono qualunque spesa, dalle gite scolastiche ai pocket money a disposizione degli studenti, diversi a seconda dell’età.

Gli studenti arrivano al campus principale La Rosey a settembre, dopo Natale si trasferiscono a Gstaad, dove trascorrono i mesi invernali in uno chalet dove vi è la possibilità di praticare sci e altri sport invernali. Si tratta di una tradizione della scuola in vigore dal 1916. Dopo il break di marzo, gli studenti tornano al campus principale e vi rimangono fino a giugno. Gli studenti attualmente iscritti sono 400, dagli 8 ai 18 anni e vengono da 67 paesi diversi. È possibile studiare fino a 4 lingue alla volta, tra cui lo Swahili o Dzongkha.

Nonostante le tasse molto alte, ogni anno vi sono circa 4 candidati per ogni posto disponibile. Ogni classe è formata da meno di 10 studenti. Circa 150 sono gli insegnanti.

Gli studenti condividono camere doppie, ma cambiano compagno di stanza 3 volte l’anno.

È possibile praticare tantissimi sport diversi, dal canottaggio alla vela, dall’hockey allo sci, e la domenica si può accedere a spa, sauna e bagno turco. Gli studenti, a turno, fanno da camerieri per servire i pasti.

“Naturalmente siamo una scuola costosa, ma i nostri ragazzi sono ragazzi normali”, spiega ancora Laurent. “È un luogo dove i sogni si possono avverare”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel
Ti potrebbe interessare
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel
Esteri / Da Gaza a Taiwan, Francesco Maringiò a TPI: “Vi spiego com’è il mondo visto dalla Cina”
Esteri / Reportage TPI: Belfast è lo specchio del conflitto in Medio Oriente
Esteri / L’eterno conflitto tra Israele e Palestina in Medio Oriente
Esteri / Nessuno vuole davvero scaricare Putin: il sospetto di Zelensky che spaventa gli Usa
Esteri / La macchina da guerra dell’intelligenza artificiale che ha aiutato Israele a distruggere Gaza
Esteri / Ilaria Salis è libera, tolto il braccialetto elettronico
Esteri / Gaza: 37.266 vittime dal 7 ottobre. Msf: "7 morti, compresi 3 bambini, in un raid di Israele nel nord di Gaza". Hamas: due ostaggi uccisi in un attacco aereo israeliano a Rafah. Usa sanzionano un gruppo di estrema destra in Israele. Libano, raid dell’Idf: “1 morto e 7 civili feriti”. Il premier libanese Mikati: "Attacco terroristico". Hezbollah lancia razzi sul nord dello Stato ebraico. Media: "Idf propongono di rinunciare a Rafah e concentrarsi sul Libano"