Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Dazi, il ministro Di Maio agli Usa: “Evitiamo l’escalation”

Immagine di copertina
Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio

Il capo politico M5S è intervenuto ad un incontro all'ambasciata a Washington organizzato dal Consiglio per le relazioni tra Italia e Stati Uniti.

Dazi, Di Maio agli Usa: evitare l’escalation

Non si placano le tensioni per i dazi imposti dagli Usa. “Siamo contrari ad una escalation dei dazi e incoraggiamo soluzioni negoziali per prevenire misure che danneggerebbero entrambe le nostre economie”, ha detto il ministro degli esteri Luigi Di Maio intervenendo ad un incontro all’ambasciata italiana a Washington intitolato ‘Un futuro comune: Stati Uniti e Italia’ e organizzato dal Consiglio per le relazioni tra Italia e Stati Uniti.

L’appello dell’ex vicepremier e capo politico M5S è stato lanciato alla vigilia dell’entrata in vigore dei dazi Usa dopo la decisione del Wto su Airbus.

Di Maio nel corso dell’inconteo a Washington ha indicato specifiche priorità di un “futuro comune”: fronteggiare le minacce nel Mediterraneo, dalla Libia alla Siria, lealtà alla Nato e sviluppo dell’economia senza escalation dei dazi ma in un quadro di cooperazione sulla base delle regole di un sistema multilaterale.

Sulla Libia Di Maio ha ribadito che “non esiste una soluzione militare” e che bisogna “promuovere una soluzione durevole”, cooperando anche con le organizzazioni umanitarie per tutelare gli immigrati.

Ieri il presidente Usa Donald Trump ha affermato che gli Stati Uniti “valuteranno attentamente” le rimostranze dell’Italia che ritiene di essere penalizzata eccessivamente dagli annunciati dazi per la vicenda dei sussidi statali ad Airbus.

“L’Italia – ha osservato il tycoon – ha un problema su come i 7,5 miliardi di dollari di dazi sono stati suddivisi, crede di avere avuto un ruolo minore rispetto ad altri paesi come la Francia o la Germania”. “Non possiamo perdere questa guerra dei dazi per squilibrio commerciale”, ha detto il presidente. E ha aggiunto: “Non vogliamo essere duri con l’Italia”.

“Mi auguro che sia possibile trovare un confronto collaborativo che eviti ritorsioni. E bisogna cercarlo subito”, sono state invece le parole del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

“L’Italia – ha aggiunto il capo dello Stato – resta il quinto contributore Nato e il secondo in termini militari dopo gli Usa, l’Italia è il paese che di più fornisce suoi militari per missioni Nato”.

“Gli Stati Uniti – ha detto ancora il presidente della Repubblica – sono non solo un alleato fondamentale ma anche un Paese con cui condivide un cammino democratico, si riconosce negli stessi valori. La visione internazionale dell’Italia si basa sul pilastro dell’Alleanza atlantica cui si è affiancata l’integrazione europea: due componenti ineludibili della nostra politica estera”.

Il ministro degli Esteri Di Maio firma lo stop all’export di armi verso la Turchia
“Di Maio non blocca le vendite di armi in corso verso la Turchia”: la denuncia di Rete Disarmo
Ti potrebbe interessare
Esteri / Macron e Scholz: “L’Ucraina deve poter colpire la Russia”. Putin: “Si rischia una guerra globale”
Esteri / Il maltempo danneggia il molo costruito da Usa, sospesi gli aiuti umanitari a Gaza, Riad accusa Israele: “Continui massacri genocidari”
Esteri / Il Papa si scusa per il termine “frociaggine”: “Non volevo offendere nessuno, la Chiesa è di tutti”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Macron e Scholz: “L’Ucraina deve poter colpire la Russia”. Putin: “Si rischia una guerra globale”
Esteri / Il maltempo danneggia il molo costruito da Usa, sospesi gli aiuti umanitari a Gaza, Riad accusa Israele: “Continui massacri genocidari”
Esteri / Il Papa si scusa per il termine “frociaggine”: “Non volevo offendere nessuno, la Chiesa è di tutti”
Esteri / Gaza, al-Jazeera: oltre 20 morti in un nuovo raid di Israele a Rafah. Idf smentiscono. Carri armati israeliani raggiungono il centro città. Tel Aviv schiera un'altra brigata. Oms: 723 operatori sanitari uccisi dal 7 ottobre. Quasi 36.100 vittime in totale. Mar Rosso: attaccato un mercantile al largo dello Yemen. Spagna, Irlanda e Norvegia riconoscono lo Stato di Palestina. Slovenia deciderà il 30 maggio. No della Danimarca
Esteri / “Nei seminari c’è già troppa frociaggine”: la frase omofoba attribuita a Papa Francesco
Esteri / La Russia toglierà i talebani dalla lista delle organizzazioni terroristiche
Esteri / Papa Nuova Guinea: 670 morti e 2.000 sepolti vivi per una frana nella provincia di Enga
Esteri / Medvedev: “Se Usa attaccano obiettivi russi, sarà guerra mondiale"
Esteri / Gaza, raid israeliano su un campo per sfollati a Rafah: 45 morti. Idf: eliminati 2 comandanti di Hamas. Tel Aviv: "Civili uccisi da un incendio". Crosetto: "Ingiustificabile". Ue, Borrell accusa: "Ignorata la Corte de L'Aja". Qatar: "Complica i negoziati". Erdogan paragona Netanyahu a Hitler e Milosevic. Il premier: "tragico incidente". Lo Stato ebraico apre un'indagine militare. Sparatoria tra Idf e truppe egiziane al valico di Rafah: un morto. Oltre 36mila vittime e 81mila feriti dal 7 ottobre
Esteri / Russia-Ucraina, il segretario Nato Stoltenberg attacca la Cina: “Alimenta la guerra in Europa”