Me
HomeEsteri

L’emozionante discorso del nuovo presidente del Parlamento europeo

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 3 Lug. 2019 alle 13:35 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 00:42
Immagine di copertina
David Sassoli

David Sassoli presidente discorso | Parlamento europeo | Democrazia | Migranti

David Sassoli presidente discorso – “Dobbiamo recuperare lo spirito dei nostri padri fondatori”. Queste le prime parole del neo eletto presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, nel suo discorso immediatamente successivo all’annuncio dell’elezione.

> David Sassoli: chi è il nuovo presidente dell’Europarlamento

“Dobbiamo avere la forza di cambiare la nostra strategia di integrazione e dare una risposta ai cittadini europei spaventati”, ha continuato Sassoli.

David Sassoli è stato eletto presidente del Parlamento europeo con 345 voti. 667 voti sono stati espressi, mentre 334 era la maggioranza assoluta.

David Sassoli presidente discorso | Ringraziamenti

Un lungo applauso dell’aula ha salutato il ringraziamento rivolto da Sassoli a Tajani: “Tutti voi capirete la mia emozione in questo momento nell’assumere la presidenza del Parlamento Ue. Ringrazio il presidente Tajani per il lavoro che ha svolto, per il suo grande impegno e la sua dedizione a questa istituzione”.

L’Ue e la storia

Poi il discorso è proseguito sulla storia, da Ventotene in poi.

“L’Unione europea non è un incidente della storia. È il progetto di chi voleva fermare la guerra per sempre. Se ci riunissimo a un tavolo, davanti a una birra, diremmo che la nostra storia è scritta sul lavoro, sul sangue dei giovani britannici uccisi in guerra, sulla voglia di libertà. Sul desiderio di fraternità”, ha sottolineato Sassoli.

Il neo presidente è stato molto chiaro rispetto ai sovranismi: “Non siamo un incidente della storia, ma un popolo che ha lottato e continuerà a lottare contro il seme del nazionalismo che diventa ideologia e idolatria”.

Le politiche Ue sui migranti

“Colleghi e colleghe, dobbiamo dare nuovi strumenti, quelli che abbiamo sono insufficienti”, è questo il primo messaggio di agenda pratica che verrà implementata già nei prossimi giorni.

Sassoli ha infine espresso il suo pensiero sulle politiche migratorie europee: “Ci sono tantissimi deputati alla loro prima legislatura, a loro un benvenuto. Il 63 per cento di loro è alla prima legislatura, molti di loro sono impegnati in attività sociali. Tanti sono impegnati nella protezione delle persone e in Europa dobbiamo imparare a confrontarci su un fenomeno nuovo e così importante. Dobbiamo ridiscutere il regolamento di Dublino, così fortemente voluto dalla scorsa legislatura”.

Il nuovo presidente dell’Europarlamento ha concluso il suo discorso con una vena di emozione, quasi piangendo: “L’Europa cambierà davvero se sapremo mettere cuore e ambizione”.

Adesso è ufficiale: che la nona legislatura europea abbia inizio.

> Qui il discorso del nuovo presidente del Parlamento europeo, parola per parola

> Nomine Ue 2019: i nuovi leader europei

Dentro il Rojava, guerra di Siria