Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 04:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

David Bowie rifiutò il ruolo di Gandalf nel Signore degli anelli

Immagine di copertina

Il cantante britannico scomparso a gennaio 2016 fu contattato dal regista della saga, Peter Jackson, ma si disse troppo impegnato, e la parte andò poi a Ian McKellen

Tra i vari nomi con cui David Bowie è stato chiamato nel corso della sua carriera fatta di tanti diversi personaggi, uno dei più noti è quello di “Duca bianco”, ma forse è noto a pochi che il cantante britannico avrebbe potuto essere nientemeno che Gandalf il Bianco, l’anziano stregone tra i protagonisti del Signore degli anelli.

Il legame prima insospettabile tra Bowie e questo personaggio, che fu poi interpretato da Ian McKellen nei tre film della saga diretta da Peter Jackson a partire dal 2001, era uscito fuori per la prima volta qualche mese fa, quando durante un’intervista all’Huffington Post statunitense, l’attore Dominic Monaghan, interprete dello hobbit Merry nei film della trilogia, aveva confidato di aver intravisto Bowie presso l’agenzia di casting della produzione.

“Ero all’agenzia Hubbard a Londra a fare il provino ed ero lì in sala d’attesa a leggere una rivista, quando David Bowie arrivò sul posto, firmò sull’elenco ed entrò. E immagino abbia fatto un provino per Gandalf. Non riesco a pensare a nessun’altra parte per la quale avrebbe potuto fare un provino”, disse Monaghan.

Quella che era rimasta una sorta di leggenda metropolitana ha avuto conferma negli ultimi giorni con una nuova intervista all’Huffington Post, questa volta della responsabile del casting del film, Amy Hubbard.

Hubbard ha smentito che Bowie abbia sostenuto un provino per la parte, ma ha confermato che Peter Jackson, regista di tutti e tre i film della saga (nonché del successivo Lo Hobbit), avesse pensato proprio a Bowie per il ruolo di Gandalf e gli avesse fatto ricevere la proposta. “Bowie ebbe una rapida conversazione con Chris Andrews dell’agenzia di spettacolo CAA. Credo che abbia suonato al party di capodanno 1999, nel periodo in cui venivano girati i film. Andò alla festa, ma non fece provini, questo è certo”.

Il regista Jackson era in ogni caso interessato a Bowie, secondo Hubbard: “Lo contattammo. Sono abbastanza sicura che sia stata un’idea di Peter Jackson nelle prime settimane in cui è partita la produzione del film. Jackson era molto curioso rispetto a questa possibilità, quindi abbiamo sentito Chris Andrews, ma Bowie era troppo occupato in quel periodo”.

Evidentemente l’impegno richiesto sarebbe stato eccessivo, vista la necessità di restare coinvolto nella produzione per tre film e diversi anni, motivo che fece rinunciare anche Nicolas Cage, al quale inizialmente era stata offerta la parte di Aragorn prima che Viggo Mortensesn, allora pressoché sconosciuto, lo sostituisse.

Negli anni in cui la saga uscì nei cinema di tutto il mondo, Bowie realizzò due album, Heathen (2002) e Reality (2003), prima di ritirarsi a vita privata per dieci anni a seguito di alcuni problemi di salute e ricomparire solo nel 2013 col suo penultimo album, The Next Day.

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Clima, ondata di caldo in Pakistan: 26 milioni di bambini non potranno andare a scuola per una settimana
Esteri / Ilaria Salis è uscita di prigione: è ai domiciliari a Budapest
Esteri / Gaza, la Protezione civile: "26 morti, tra cui 15 minori, in due raid dell'Idf a Gaza City". Almeno 35.800 morti e più di 80mila feriti dal 7 ottobre. L'ospedale di Al-Aqsa sospenderà i servizi per mancanza di carburante. Domani la Corte de L'Aja si pronuncerà sulla richiesta di porre fine all'offensiva a Rafah. Intanto Tel Aviv schiera nuove truppe: "Nessuno ci fermerà". Scambi di colpi tra Israele e Hezbollah al confine con il Libano
Ti potrebbe interessare
Esteri / Clima, ondata di caldo in Pakistan: 26 milioni di bambini non potranno andare a scuola per una settimana
Esteri / Ilaria Salis è uscita di prigione: è ai domiciliari a Budapest
Esteri / Gaza, la Protezione civile: "26 morti, tra cui 15 minori, in due raid dell'Idf a Gaza City". Almeno 35.800 morti e più di 80mila feriti dal 7 ottobre. L'ospedale di Al-Aqsa sospenderà i servizi per mancanza di carburante. Domani la Corte de L'Aja si pronuncerà sulla richiesta di porre fine all'offensiva a Rafah. Intanto Tel Aviv schiera nuove truppe: "Nessuno ci fermerà". Scambi di colpi tra Israele e Hezbollah al confine con il Libano
Esteri / Usa: la polizia di Los Angeles e la DEA aprono un’indagine sulla morte di Matthew Perry
Esteri / Papa Francesco: “No alle donne diacono e non si possono benedire le unioni omosessuali”
Esteri / Gaza: oltre 35.700 morti e quasi 80mila feriti dal 7 ottobre. Nessun servizio sanitario a Gaza City e nel nord della Striscia. Idf schierano un’altra brigata a Rafah. Norvegia, Spagna e Irlanda riconosceranno lo Stato di Palestina. Israele convoca gli ambasciatori. Critiche dalla Casa bianca. La Francia: "Non è il momento". Netanyahu: "Sarebbe uno Stato terrorista"
Esteri / Migliaia di migranti abbandonati nel deserto con i fondi dell’Ue: una nuova inchiesta svela il coinvolgimento di Bruxelles
Esteri / Turbolenza sul volo Londra-Singapore: un morto e 54 feriti
Esteri / A Gaza oltre 35.600 morti dal 7 ottobre. Qatar: "I colloqui per la tregua sono in stallo". Gallant: "Non riconosciamo l'autorità della Corte penale internazionale". Sequestrate attrezzature tv nella sede di AP a Sderot: "Fornivano immagini ad al-Jazeera". Iran, le presidenziali si terranno il 28 giugno
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e tre leader di Hamas