Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Cuba vuole pagare i debiti in bottiglie di rum

Immagine di copertina

L'Avana ha un debito di 264 milioni di euro con la Repubblica Ceca. Ha così proposto a Praga di saldarlo con un'enorme fornitura del suo pregiato rum

Cuba ha un debito di oltre 260 milioni di euro con la Repubblica Ceca, ma non ha le risorse monetarie necessarie per pagarlo. Per questo ha inoltrato a Praga un’insolita proposta: perché non adempiere all’obbligo con un’enorme fornitura di rum?

Il ministro delle Finanze ceco ha confermato che l’offerta è stata avanzata durante i recenti negoziati, ma Praga ha risposto a L’Avana che gradirebbe essere saldata – almeno in parte – con denaro, non in scorte di rum, che basterebbero per oltre un secolo. Le statistiche ufficiali infatti riportano che la Repubblica Ceca importa ogni anno quasi due milioni di euro di rum cubano.

Il debito risale all’epoca della guerra fredda, quando entrambi i paesi appartenevano al blocco comunista. Anni di embargo americano hanno lasciato a L’Avana un debito estero che ha quasi raggiunto i 24 miliardi di euro nel 2014.

Negli ultimi anni, Cuba ha ottenuto che alcuni paesi stralciassero il suo debito, tra di essi il Giappone, il Messico e la Russia, Nel 2015 un gruppo di 14 paesi, per lo più europei, ha deciso di abbuonarle circa 8 milioni di euro, ristrutturando il pagamento dei restanti 2 milioni di euro sull’arco dei prossimi 18 anni.

In passato, anche la Corea del Nord aveva pensato di pagare un debito da quasi 10 milioni di euro in prodotti derivati dal ginseng.

— LEGGI ANCHE: Il calcolatore per capire se beviamo troppo

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, Israele per il momento non va: "Prima la lista degli ostaggi vivi"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"
Esteri / Putin minaccia l’Occidente: “Fa rischiare la guerra nucleare”