Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:56
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Corea del Nord, almeno 200 morti per il crollo di un tunnel in un sito nucleare avvenuto 20 giorni fa

Immagine di copertina
Credit: Afp

Due diversi cedimenti hanno intrappolato e condannato alla morte gli operai coinvolti nei lavori del sito nucleare di Punggye-ri, in Corea del Nord

Viene alla luce solo oggi, martedì 31 ottobre 2017, la notizia di crolli in un tunnel del sito nucleare di Punggye-ri, in Corea del Nord, che hanno causato la morte di almeno 200 persone.

Il sito è stato interessato da ben due crolli, uno risalente al 10 settembre e nel quale 100 operai sono rimasti intrappolati. Proprio pochi giorni prima, il 3 settembre nello specifico, Kim Jong Un aveva effettuato il suo sesto test nucleare.

Secondo quanto riporta Reuters, il secondo e più ingente crollo è avvenuto durante la costruzione di una galleria sotterranea il 10 ottobre. In quel crollo altri 100 lavoratori sono rimasti bloccati ed è stata inviata una squadra di soccorsi per liberarli, ma ulteriori cedimenti hanno reso impossibili le operazioni di salvataggio così da condannare tutti i 200 operai coinvolti alla morte.

Nelle ultime settimane, esperti esteri e attivisti per i diritti umani avevano già lanciato l’allarme per il rischio di crolli nelle strutture in cui vengono effettuati i test. La costruzione di tunnel indicherebbe la volontà di spostare i test in un altro versante della montagna.

Ora la notizia riaccende i timori sulla fuga di pesante radioattività: i lanci di missili e testate degli scorsi mesi hanno provocato diverse frane e terremoti in tutta la penisola. Solo pochi giorni fa la Corea del Sud aveva rilanciato il pericolo di una perdita di materiali radioattivi e il crollo dell’intero monte Mantapsan (proprio a Punggye-ri) in caso di un nuovo test nucleare.

 

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Wall Street Journal: “Solo 50 ostaggi israeliani ancora in vita, 66 sarebbero morti”. Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”
Esteri / Netanyahu agli Usa: “Stop al blocco delle armi”. Tensioni tra Israele e Libano, approvati e validati piani operativi per un’offensiva
Ti potrebbe interessare
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza
Esteri / Wall Street Journal: “Solo 50 ostaggi israeliani ancora in vita, 66 sarebbero morti”. Hezbollah minaccia Cipro: “Pronti ad attaccare chi aiuta Israele”
Esteri / Netanyahu agli Usa: “Stop al blocco delle armi”. Tensioni tra Israele e Libano, approvati e validati piani operativi per un’offensiva
Esteri / Bimba si sente male in volo e muore dopo l’atterraggio d’emergenza
Esteri / Inviato Usa: “Evitare una guerra più grande tra Israele e il Libano”. Media: “Almeno 17 morti in un raid di Israele sul campo profughi di Nuseirat”
Esteri / Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra dopo l’uscita di Gantz, bombe su Gaza: almeno 6 morti
Esteri / Esplode un blindato a Rafah, muoiono 8 soldati israeliani
Esteri / Il G7 annuncia un prestito da 50 miliardi di dollari all’Ucraina ma l’Europa (e l’Italia) rischia di restare con il cerino in mano
Esteri / Il piano di pace di Putin: "Kiev si ritiri da 4 regioni e rinunci ad aderire alla Nato". Secco no da Usa e Stoltenberg
Esteri / L’incredibile storia dell’ospite indesiderato del New Yorker Hotel