Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La crisi del Libano: viaggio nel Paese dove la politica settaria tiene in ostaggio la giustizia

Immagine di copertina
Credit: AFP

Una tragedia nazionale costata oltre 200 morti, un giudice che indaga sulle responsabilità della politica e l’esplosione della violenza in piazza. Sul sesto numero del settimanale TPI - The Post Internazionale, in edicola dal 22 ottobre, l’inviato a Beirut Dario Sabaghi racconta gli scontri avvenuti nella capitale e spiega i retroscena della profonda crisi economica, politica e sociale che attanaglia il Libano

I colpi d’arma da fuoco che hanno sancito l’inizio degli scontri a Beirut la scorsa settimana si sentivano persino dal Palazzo di Giustizia, dove quasi 200 dimostranti vestiti di nero si erano raccolti per protestare contro il giudice incaricato delle indagini sull’esplosione che nell’agosto del 2020 devastò il porto e gran parte della capitale, provocando centinaia di vittime. 

L’intensificarsi del rumore assordante degli spari ha portato i manifestanti a riversarsi in strada, persino di corsa, per raggiungere l’epicentro degli scontri. «La situazione sta diventando pericolosa», ha raccontato a TPI un uomo che a passo svelto seguiva il corteo, in marcia a ritmo di canzoni politico-religiose sciite. 

Quella che avrebbe dovuto essere una protesta di piazza si è trasformata in uno spargimento di sangue, che nella memoria dei libanesi ha fatto riaffiorare gli spettri di una guerra civile lacerante durata 15 anni (1975-1990). E la ricerca della verità e della giustizia per mettere sotto accusa i responsabili dell’esplosione al porto di Beirut del 4 agosto 2020 potrebbe ora innescare una crisi politica con derive settarie. 

Il casus belli è un giudice, Tarek Bitar, 47 anni, che dirige l’inchiesta. E proprio per chiederne la rimozione dall’incarico che giovedì 14 ottobre i sostenitori dei partiti musulmani sciiti Hezbollah e Amal erano scesi in piazza…
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda
Esteri / Cina, Xi Jinping promette 1 miliardo in più di dosi all’Africa
Esteri / Regno Unito, 61 persone bloccate in un pub sommerso dalla neve: “Per fortuna abbiamo molta birra” | VIDEO
Cronaca / Variante Omicron, l’Oms: “Rischio elevato, possibili gravi conseguenze”
Esteri / Repubblica Ceca, la nomina del nuovo primo ministro è a prova di Covid | VIDEO
Esteri / Disney+ sbarca a Hong Kong, la censura elimina l’episodio dei Simpson su Piazza Tiananmen
Esteri / Il business del plasma: quanto guadagnano gli Usa dal sangue dei più poveri
Esteri / Inchiesta “Oro liquido”: il prezzo del commercio di sangue nell’America degli ultimi
Esteri / Vietato dire Natale: le linee guida per la “comunicazione inclusiva” dell’Ue
Esteri / Il nuovo capo dell’Interpol è Ahmed Naser al-Raisi, un generale accusato di torture e arresti arbitrari