Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 09:18
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Crisi in Argentina, il governo annuncia la chiusura della metà dei ministeri

Immagine di copertina
Credit: Getty Images

Il governo di Macri si prepara a imporre nuove misure di austerità per cercare di fermare la caduta del valore del pesos e far fronte alla crisi economica che sta interessando il paese

L’Argentina ha annunciato l’introduzione di nuove misure di austerità per cercare di far fronte alla crisi che sta interessando da tempo il paese latinoamericano.

In un servizio televisivo, il presidente Mauricio Macri ha spiegato che l’Argentina non può continuare a spendere più di quanto guadagna e che sono necessarie nuove politiche per cercare di risolvere la crisi.

“Dobbiamo far fronte a un problema di base, cioè di non spendere più di quanto abbiamo, di fare degli sforzi per equilibrare i conti dello Stato”, ha affermato il presidente.

Il governo ha intenzione di alzare le tasse sull’export di alcuni cereali e altri prodotti argentini così da ridurre il deficit di bilancio e cercare di fermare la caduta del peso, la moneta nazionale.

Inoltre, Macri ha annunciato che “circa la metà dei ministeri” saranno aboliti.

Al momento non è ancora chiaro se il presidente ha intenzione di chiudere o unire alcuni ministeri.

Il ministro delle Finanze Nicolàs Dujovne, che ha preso la parole dopo il presidente, ha fornito ulteriori informazioni sulle misure che il governo ha intenzione di varare e ha  annunciato che il paese “si propone di raggiungere un equilibrio della sua spesa fiscale, prima delle imposte, già nel 2019”.

Fino a questo momento il governo aveva progettato di raggiungere un deficit dell’1,3 per cento.

Il ministro delle Finanze ha inoltre precisato che “per i prodotti chiave come la soia, la tassa sarà di quattro pesos per dollaro, e di tre pesos per gli altri settori dell’esportazione”.

La manovra avrà una valenza solo “transitoria” e sarà quindi valida per il 2018 e il 2019 e  dovrebbe contribuire a ridurre dell’1 per cento il deficit di bilancio.

Per cercare di porre un freno alla crisi economica, il ministro Dujovne ha in programma di recarsi in visita a Washington per avviare i negoziati con Fondo monetario internazionale.

L’obiettivo del ministro è accelerare l’invio delle prossime tranche del prestito concesso al paese previste per il 2020 e il 2021.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Vertice tra Biden e Draghi al G7: "Europeismo e atlantismo nostri pilastri
Esteri / Sorelline rapite dal padre: ritrovato in fondo al mare il corpo di Olivia. Si cerca l'altra bambina
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Vertice tra Biden e Draghi al G7: "Europeismo e atlantismo nostri pilastri
Esteri / Sorelline rapite dal padre: ritrovato in fondo al mare il corpo di Olivia. Si cerca l'altra bambina
Esteri / Cameraman corre più veloce di tutti gli atleti e vince i 100 metri: il video è virale
Esteri / La balena inghiottisce il pescatore: l’uomo si salva per un colpo di tosse
Esteri / La morte di George Floyd e la pandemia da Covid-19: le storie che hanno vinto i premi Pulitzer del 2021
Esteri / L’Iran espelle una suora italiana
Esteri / Tensione fra Italia ed Emirati Arabi: a rischio la base strategica in Medio Oriente
Esteri / Perù: procuratore chiede l’arresto di Keiko Fujimori, candidata della destra alle recenti elezioni
Esteri / Putin protesta, l'Uefa ordina all'Ucraina di cambiare la maglia "politica"
Esteri / Usa, una canna di marijuana gratis a chi si fa il vaccino anti-Covid