Covid ultime 24h
casi +26.831
deceduti +217
tamponi +201.452
terapie intensive +115

Cose da sapere su James Bond

Il 5 ottobre 1962 usciva nelle sale britanniche Dr No, il primo film della saga ufficiale dell'agente 007

Di Stefano Mentana
Pubblicato il 5 Ott. 2016 alle 11:27 Aggiornato il 10 Set. 2019 alle 22:54
0
Immagine di copertina

Il 5 ottobre del 1962 uscì nei cinema britannici Dr. No, il primo film della saga ufficiale di James Bond, l’agente segreto con nome in codice 007. Il film, con protagonista l’attore Sean Connery e uscito in Italia con il titolo Licenza di uccidere, diede inizio a una delle più lunghe e fortunate saghe cinematografiche, che nel 2015 è arrivata al suo 24esimo film con Spectre, cui ne vanno aggiunti altri tre non ufficiali.

Ma cosa c’è da sapere sul celebre agente segreto e sui suoi film?

Come nasce James Bond?

Il protagonista nasce dai romanzi dello scrittore britannico Ian Fleming e scritti tra il 1963 e il 1966. Fleming aveva combattuto nella Seconda guerra mondiale nel Naval Intelligence Service della marina britannica, e lì era entrato in contatto con il mondo dei servizi segreti che ha ispirato il personaggio di Bond.

Il nome del protagonista della saga di romanzi doveva inizialmente essere James Secretan, tuttavia, quando gli capitò sotto mano un libro dedicato ad alcune specie di uccelli scritto dall’ornitologo James Bond, Fleming decise di dare all’agente segreto lo stesso nome dell’autore.

A convincere Fleming dell’efficacia del nome scelto fu la sua brevità, la sua freddezza e l’origine anglo-sassone. Il successo dei libri e soprattutto dei film su 007 ebbero una certa influenza anche sulla vita dell’ornitologo James Bond, il quale una volta fu costretto a scendere da un aereo dalle autorità che pensavano avesse documenti falsi.

Nel film di 007 del 2002 La morte può attendere James Bond, interpretato da Pierce Brosnan, si finge un ornitologo, in omaggio all’uomo che ne ha ispirato il nome.

Negli anni Sessanta, la Eon Production, una casa di produzione cinematografica fondata da Albert Broccoli ed Harry Saltzman, acquistò i diritti per produrre film tratti dai romanzi di Fleming, dando inizio così alla celebre saga cinematografica. Oggi la Eon è guidata da Barbara Broccoli, figlia di Albert Broccoli.

In precedenza era già stato girato un film tratto dai libri di Fleming, Casino Royale, del 1957, ma di fatto si tratta di una reinterpretazione dell’opera, dal momento che il protagonista è statunitense e si chiama Jimmy Bond.

Il primo film prodotto dalla Eon è stato Licenza di uccidere, del 1962, per cui fu scelto come protagonista l’attore scozzese Sean Connery. Da quel momento sono stati realizzati 24 film dedicati a James Bond, a cui vanno aggiunti altri tre considerati “apocrifi”, in quanto non prodotti dalla Eon.

Gli attori che hanno interpretato 007 sono stati in tutto sei: Sean Connery, George Lazenby, Roger Moore, Timothy Dalton, Pierce Brosnan e Daniel Craig. Hanno tutti interpretato Bond in anni diversi, adattando sempre il personaggio allo stile del loro tempo.

LEGGI ANCHE: Alcune considerazioni su Spectre

Le musiche

I film di Bond sono uniti sempre da una serie di caratteristiche comuni, a partire dalla celebre colonna sonora, che accompagna il film a partire dal suo primo episodio, composta dal musicista Monty Norman.

I film iniziano con una scena introduttiva che dura alcuni minuti, cui segue la celebre gunbarrel sequence, la sequenza vista attraverso la canna di una pistola in cui si vede James Bond camminare e sparare verso lo spettatore, cui segue una colata di sangue sullo schermo.

A quel punto parte la colonna sonora del film, diversa per ogni pellicola. A realizzare queste canzoni sono stati alcuni tra i più importanti musicisti attivi dagli anni Sessanta a oggi, da Paul McCartney per Vivi e lascia morire, ai Duran Duran per Bersaglio Mobile fino a Madonna per La morte può attendere e Adele per Skyfall. La principale canzone dell’ultimo film, Spectre, è stata realizzata invece dal cantante Sam Smith.

I personaggi

In ogni film ci sono poi una serie di personaggi che ricorrono: in primis i “buoni”, i compagni di James Bond nel servizio segreto britannico, come M, a capo del servizio, la segretaria Moneypenny e Q, ovvero la figura che fornisce a 007 i suoi immancabili gadget. Negli ultimi film è stata introdotta anche la figura di Bill Tanner, un assistente di M.

Al fianco di Bond accorrono talvolta alcuni alleati esterni ai servizi, come Felix Leiter, agente segreto della Cia, il generale Gogol, a capo del Kgb (per quanto riguarda i film girati con l’Unione Sovietica ancora in piedi), René Mathis, interpretato dall’italiano Giancarlo Giannini, e il russo Valentin Zukovsky, tra gli altri.

Figure chiave sono poi le Bond girl, donne particolarmente attraenti con un ruolo prominente nel film, spesso alleate di 007 e regolarmente sedotte dal fascino dell’agente segreto. Questa parte è stata interpretata da attrici molto famose, a partire da Ursula Andress in Licenza di uccidere, l’italiana Daniela Bianchi in Dalla Russia con amore, Carole Bouquet in Solo per i tuoi occhi ed Eva Green in Casino Royale, per citarne alcune.

In Spectre la Bond Girl principale sarà interpretata da Lea Seydoux, e un altro ruolo femminile è invece dell’italiana Monica Bellucci.

Fondamentale è poi il ruolo dei cattivi, spesso riconoscibili da un particolare fisico singolare, dalle mani d’acciaio del Dottor Julius No in Licenza di uccidere, al ricorrente cattivo Ernst Stavro Blofeld, inquadrato nei primi film senza mai mostrarne il volto, ai tre capezzoli di Francisco Scaramanga in L’uomo dalla pistola d’oro.

Questi cattivi sono spesso mossi da intenti criminali di controllo globale e tra i loro obiettivi c’è sempre quello di uccidere Bond, che si mette in mezzo ai loro piani. Di solito hanno l’opportunità di eliminarlo, ma il loro egocentrismo li spinge a usare metodi di uccisione singolari dai quali Bond riesce sempre a fuggire.

Al fianco dei cattivi ci sono sempre i cosiddetti tirapiedi, anch’essi spesso caratterizzati da particolari fisici o caratteriali particolarmente significativi. Tra questi ricordiamo il celebre Oddjob di Goldfinger, l’orientale con il cappello a bombetta dalle falde taglienti con il quale uccide i propri nemici, Nick Nack, il nano di L’Uomo dalla pistola d’Oro, e Squalo, il gigante dai denti metallici che compare in La spia che mi amava e Moonraker.

I cocktail

Oltre alle donne, una grande passione di James Bond sono gli alcolici, a partire dal suo cocktail preferito, un Vodka Martini “agitato, non mescolato”, che in Casino Royale è una bevanda formata da tre parti di gin, una parte di vodka, mezza parte di kina lillet e una scorza di limone, tecnicamente inventata dallo scrittore Ian Fleming tramite il personaggio di James Bond cui viene dato il nome di Vesper Martini, in onore della Bond girl Vesper Lynd.

Secondo le anticipazioni che sono state diffuse, in Spectre Bond abbandonerà – e da scoprire se provvisoriamente o definitivamente – il Vodka Martini in favore di un Dirty Martini.

I Paesi visitati da Bond

Nel corso dei 24 film, il personaggio di James Bond ha girato in tutto in 49 tra Paesi e dipendenze, e in Spectre compare per la prima volta anche il Vaticano. Per quanto Bond sia stato numerose volta in Italia, infatti, solo nell’ultimo film arriva per la prima volta a Roma.

Non sempre le location in cui i film sono ambientati sono quelle in cui effettivamente il film è stato girato, a queste si aggiungono infatti due luoghi del tutto immaginari, ovvero lo stato caraibico di Saint Monique in Vivi e lascia morire e la Repubblica di Isthmus in Vendetta privata. In Moonraker, invece, James Bond viaggia addirittura nello spazio.

I caratteri dei diversi James Bond

Ogni attore che interpreta Bond lo fa in modo diverso, in base al proprio carattere. Se Sean Connery è considerato il classico James Bond dal momento che è stato il primo ad interpretarlo, con Roger Moore il personaggio si carica notevolmente di humor. L’attuale James Bond, Daniel Craig, è invece ritenuto il più cupo dei sei attori che l’hanno interpretato.

Daniel Craig inoltre è stato considerato da molti diverso da come 007 compare nell’immaginario collettivo, non solo per il carattere più tormentato ma anche per la quantità di muscoli. Alcuni fan della saga hanno addirittura creato un sito dal titolo Daniel Craig is not James Bond, per manifestare il proprio dissenso verso la preferenza per l’attore. Tuttavia, la scelta di Craig è stata premiata dagli incassi e tutti i suoi film hanno riscosso un notevole successo.

I film di Bond, inoltre, sono notevolmente influenzati dalle mode cinematografiche e non del momento: il film Moonraker, in cui Bond si reca nello spazio, è uscito in concomitanza con il boom della saga di Guerre Stellari, mentre il movimentato La morte può attendere, ricco di esplosioni e azione, è stato prodotto mentre i film dell’attore Vin Diesel come Xxx riscuotevano grande successo tra il pubblico.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.