Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 15:05
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Cosa è successo in Cecenia

Immagine di copertina

I jihadisti dell'Emirato del Caucaso hanno attaccato un posto di blocco della polizia, asserragliandosi poi in due edifici

Il 3 dicembre, poco dopo mezzanotte, un commando armato composto da tre auto ha attaccato un posto di blocco della polizia nel centro di Grozny, la capitale cecena.

Dopo aver ucciso tre agenti, gli uomini armati si sono asserragliati tra la cosiddetta casa della stampa (edificio che ospita le maggiori emittenti locali) e una scuola.

Il Comitato nazionale antiterrorismo ha disposto centinaia di uomini per fermarli. Il bilancio, conclusi gli scontri a fuoco, è di almeno 19 morti e una trentina di feriti.

L’attacco terroristico, rivendicato dal gruppo islamista Emirato del Caucaso, sembra rompere il fragile equilibrio che la Cecenia aveva trovato sotto il governo di Razman Kadyrov.

Leader paramilitare e Primo Ministro reggente, Kadyrov mantiene l’ordine dispiegando un gran numero di agenti nelle città, tattica che fa discutere perché rischia di minare le libertà fondamentali dei cittadini ceceni.

5 cose da sapere sulla Cecenia
1. L’ordinamento

La Cecenia è una repubblica autonoma della Federazione Russa. Dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica, i ceceni hanno provato a diventare uno stato autonomo senza successo. La Cecenia ha combattuto due guerre per l’indipendenza dalla Russia negli anni Novanta (dicembre 1994 – agosto 1996 e agosto 1999 – maggio 2000).

2. Da dove nasce la violenza

L’annessione della Cecenia, regione a prevalenza musulmana, all’Impero russo, è avvenuta a cavallo tra la fine del Settecento e l’inizio dell’Ottocento. Quando nel 1991 l’Unione Sovietica si è dissolta, molte regioni della federazione hanno trattato per diventare Paesi indipendenti – tra questi la Bielorussia e il Kazakhstan. La Cecenia ha provato a fare lo stesso, ma i negoziati con la Russia non sono andati a buon fine.

Quando la regione ha dichiarato l’indipendenza in modo unilaterale, nel 1994, il presidente russo Boris Yeltsin l’ha invasa. Era l’11 dicembre. Quasi esattamente vent’anni (più una settimana) prima dell’attacco accaduto qualche giorno fa a Grozny. L’invasione degli anni Novanta diede inizio alla prima guerra cecena. La seconda fu dichiarata nel 1999.

3. La deriva islamista

Presto i miliziani separatisti abbracciarono una nuova causa, quella religiosa. Così, anche dopo la fine del secondo conflitto e la vittoria russa, le violenze non smisero. Gli islamisti organizzarono attacchi terroristici contro Mosca, con bombe piazzate nella città che seminarono il terrore.

Nel 1999, i jihadisti tentarono di organizzare una “guerra santa” contro la Russia, ma il governo di Mosca li represse duramente. Il movimento sembra aver perso forza negli ultimi anni. Il minore fervore si deve in parte alla partenza di molti miliziani alla volta di Afghanistan, Iraq e Siria, in parte alla massiccia presenza della polizia voluta da Ramzan Kadyrov.

4. Cos’è l’Emirato del Caucaso

L’attacco nella capitale cecena è stato rivendicato da un gruppo islamista Emirato del Caucaso. Si tratta della più potente organizzazione jihadista sul territorio ceceno ed è riconosciuto come organizzazione terroristica sia da Mosca che da Washington.

In un video postato su Youtube una persona, che si definisce uno dei partecipanti al commando armato, ha spiegato che l’operazione suicida era stata ordinata da Emir Khamzat, nome di battaglia del leader dei jihadisti ceceni Aslan Byutukayev.

5. Perché combattono

I motivi sono cambiati radicalmente nel corso degli ultimi 200 anni. Si è passati dalle spinte separatiste a quelle nazionaliste, dall’islamismo alla mera delinquenza. In generale, comunque, quasi tutte le lotte sono avvenute per liberarsi del controllo russo sul territorio.

Ti potrebbe interessare
Esteri / L’ex presidente ucraino Poroshenko a TPI: “L’Ue non ci basta, ora vogliamo la Nato. Putin? È un criminale”
Esteri / Covid, Kim Jong-un: “Il virus è stato mandato dalla Corea del Sud con i palloncini”
Esteri / Covid trasmesso da gatto all’uomo: il primo caso documentato
Ti potrebbe interessare
Esteri / L’ex presidente ucraino Poroshenko a TPI: “L’Ue non ci basta, ora vogliamo la Nato. Putin? È un criminale”
Esteri / Covid, Kim Jong-un: “Il virus è stato mandato dalla Corea del Sud con i palloncini”
Esteri / Covid trasmesso da gatto all’uomo: il primo caso documentato
Esteri / Guerra in Ucraina, missili su palazzo a Odessa: salgono a 19 le vittime. Lavrov: "Nato sempre alla ricerca di un nemico esterno"
Esteri / Nato, nuova gaffe di Biden: il presidente Usa confonde la Svezia con la Svizzera
Esteri / “Per noi è come una violenza sessuale”: a TPI parlano le donne americane a cui è stato tolto il diritto all’aborto
Esteri / Empowerment e agricoltura sostenibile: così le donne rivendicano i propri diritti nella Striscia di Gaza
Esteri / Putin: “Truppe Nato in Finlandia e Svezia? Risponderemo”
Esteri / Guerra in Ucraina, la Russia annuncia il ritiro dall'Isola dei Serpenti. Biden: sosterremo Kiev fino alla fine
Esteri / Viaggio a Suwałki: “Il posto più pericoloso del mondo”. Il reportage di TPI