Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Che succederebbe sulla Terra se domani tutta l’umanità scomparisse

Immagine di copertina

Un video recentemente pubblicato su YouTube dal canale #Mind Warehouse spiega quali sarebbero le conseguenze se improvvisamente l'umanità sparisse nel nulla

Stando alla Bibbia, l’uomo proviene dalla polvere e tornerà
polvere, e il ciclo della vita sta lì a dimostrarlo, ma cosa succederà
esattamente quando l’umanità intera sarà scomparsa dalla faccia della terra?

A meno di imprevisti eccezionali, proprio come i dinosauri, un giorno la razza umana si estinguerà, anche se non sappiamo ancora quali
saranno le cause. Che si tratti del fatto che avveleneremo ulteriormente il
nostro ambiente, o che avrà luogo un olocausto nucleare o qualche evento
catastrofico imprevisto, è probabile che la vita umana sul nostro pianeta non
durerà per sempre.

Ma cosa succederà alla Terra a quel punto? È
quello che si sono chiesti gli autori del video intitolato What Would Happen If Humans Disappeared?, pubblicato pochi giorni
fa su YouTube dal canale #Mind Warehouse.

Nel video, attraverso immagini di repertorio che mostrano la
miriade di modifiche che l’uomo lascerebbe al pianeta, una voce spiega quali
sarebbero le conseguenze se improvvisamente, come in un film di fantascienza,
tutti gli esseri umani sparissero nel nulla.

Per sintetizzare qualche dato, ecco alcuni eventi futuri che
si svolgerebbero nel corso delle ore, dei giorni e degli anni:

Qualche ora: le luci di tutto il mondo cominceranno a spegnersi

3 giorni: La maggior parte dei sistemi di metropolitana saranno inondati

10 giorni: gli animali rinchiusi moriranno di fame

1 mese: le acque di raffreddamento evaporeranno nei generatori di energia nucleare, contaminando il pianeta con le loro radiazioni

1 anno: Migliaia di satelliti cadranno sulla Terra

25 anni: le città situate nei deserti come Dubai e Las Vegas verranno ricoperte di sabbia

300 anni: Le costruzioni metalliche, come la Torre Eiffel, inizieranno a crollare

300 anni: balene e grandi animali marini cresceranno di numero e vivranno in buone condizioni

500 anni: le città moderne verranno completamente coperte dalla vegetazione

10mila anni: L’unica prova che gli esseri umani sono esistiti consisterà nelle costruzioni in pietra

Questo il video (con possibilità di inserire sottotitoli in inglese):

(Credit: #Mind Warehouse)

 

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Una persona è vecchia quando si sente tale”: la regina Elisabetta rifiuta il premio “Anziani dell’anno”
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale