Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Cosa non sappiamo ancora sull’attacco fuori dal parlamento di Londra

Immagine di copertina

Non è ancora noto il motivo dell'aggressione, il numero totale delle vittime e dei feriti e la dinamica precisa dei fatti

Il 22 marzo 2017 si è verificato un attacco nei pressi del parlamento di Londra. Le autorità stanno trattando l’evento come un episodio di terrorismo. Un poliziotto è stato accoltellato nel cortile del parlamento. Il presunto assalitore è stato ucciso dalla polizia. 

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Di seguito quello che ancora non sappiamo dell’attacco:

1. Il motivo dell’attacco.

2. Il numero totale delle vittime e dei feriti. Secondo le prime stime potrebbero essere tra due e 12, ma il numero non è stato confermato dalle autorità.

3. Se l’assalitore faccia parte di un’organizzazione più numerosa.

4. Per quanto tempo ancora Westminster, il parlamento londinese, rimarrà blindato.

5. Se il livello di minaccia terroristica sarà elevato da grave a critico.

6. Se l’attacco ha a che fare con l’anniversario dell’attentato terroristico a Bruxelles del 22 marzo 2016.

 GUARDA LE PRIME IMMAGINI DELL’ATTACCO FUORI DAL PARLAMENTO DI LONDRA 

– COSA SAPPIAMO FINORA SUGLI INCIDENTI A WESTMINSTER

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia: Mosca oscura 81 media europei tra cui la Rai, La7, Repubblica e La Stampa
Esteri / Russia: la Corte penale internazionale (CPI) emette mandati di arresto per il capo di stato maggiore Valery Gerasimov e per l’ex ministro della Difesa Sergei Shoigu
Esteri / L’Ue avvia ufficialmente i negoziati di adesione con Ucraina e Moldavia
Ti potrebbe interessare
Esteri / Russia: Mosca oscura 81 media europei tra cui la Rai, La7, Repubblica e La Stampa
Esteri / Russia: la Corte penale internazionale (CPI) emette mandati di arresto per il capo di stato maggiore Valery Gerasimov e per l’ex ministro della Difesa Sergei Shoigu
Esteri / L’Ue avvia ufficialmente i negoziati di adesione con Ucraina e Moldavia
Esteri / Il Tribunale di Budapest chiede all’Europarlamento di sospendere l’immunità a Ilaria Salis
Esteri / Scivola dal tapis roulant e precipita dalla finestra: muore a 22 anni
Esteri / Julian Assange è libero: torna in Australia dopo aver patteggiato con gli Usa
Esteri / Gaza, Oms: "Impedita evacuazione di 2.000 feriti da Rafah"
Esteri / Media: 8 palestinesi uccisi in un raid israeliano a Gaza. Borrell: “La guerra sta per espandersi”
Esteri / Timori Usa: “Hezbollah può sopraffare difesa aerea Israele”. Media: raid su Gaza, almeno 8 morti
Esteri / Le Nazioni Unite affidano all’Università Iuav di Venezia il progetto di ricostruzione di Gaza