Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 06:14
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La Corte costituzionale sudcoreana deciderà il 10 marzo sull’impeachment alla presidente Park

Immagine di copertina

Il parlamento aveva deciso la messa in stato di stato di accusa della presidente sudcoreana per le pressioni esercitate su grandi aziende per ottenere finanziamenti

La Corte Costituzionale sudcoreana si pronuncerà venerdì 10 marzo 2017 sulla messa in stato di accusa della presidente Park Geun-hye. Il procedimento di impeachment era cominciato nel mese di dicembre 2016 e da quel momento Geun-hye era stata privata dei suoi poteri.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come.

Se la Corte dovesse sostenere l’accusa nei confronti della leader sudcoreana, la prospettiva è quella di elezioni entro 60 giorni. In caso contrario, Park potrebbe ritornare al suo posto. Il portavoce della corte Bae Bo-yoon ha annunciato che la sentenza sarà trasmessa in diretta in televisione, ma non ha dato indiscrezioni sul possibile risultato.

Park è accusata di aver violato il suo obbligo costituzionale facendo pressioni insieme a Choi Soon-sil su grandi aziende per finanziare la sua azione politica. I fondi ottenuti venivano dirottati verso le fondazioni che le permettevano di esercitare la sua influenza sugli affari di stato. Park e Choi hanno rigettato le accuse.

Perché passi, l’impeachment dovrà essere votato da sei degli otto giudici della corte dopo che il nono componente aveva deciso di ritirarsi a gennaio 2017.

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Ti potrebbe interessare
Esteri / Gelati e software spia: il boicottaggio di Ben & Jerry’s e il caso Pegasus rivelano l’ambiguità di Israele sui territori occupati
Esteri / In Indonesia oltre 100 bambini a settimana muoiono di Covid
Esteri / Tunisia, il presidente Saied assume i pieni poteri: licenzia il premier e sospende il Parlamento
Esteri / Pizza per l’Italia e Chernobyl per l’Ucraina: la gaffe della tv sudcoreana alle Olimpiadi di Tokyo
Esteri / “Una storia horror? Vacanza-studio in Italia”, il tweet di Amanda Knox scatena le polemiche
Esteri / Il Papa: “Ogni giorno 7mila bambini muoiono di fame, è uno scandalo”
Esteri / Il Pride a Budapest: 10mila in piazza contro la legge anti-Lgbt di Orban
Esteri / Alaska, uomo combatte con un orso per una settimana: trovato per caso, è salvo
Esteri / L’appello di Lula a Draghi: “Il vaccino è per tutti, non solo di chi lo può comprare”
Esteri / India, 4.300 morti in due mesi per i contagi da fungo nero: “Un’epidemia nella pandemia”