Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 21:55
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Coronavirus: chiudono gli ospedali da campo a Wuhan. “Ma teniamo alta la guardia”

Arrivano anche buone notizie sul fronte dell'epidemia di Covid-19: in Cina, infatti, lentamente si sta ritornando alla normalità

Coronavirus: a Wuhan chiudono gli ospedali costruiti per l’emergenza

Mentre l’Italia combatte il Coronavirus, dalla Cina arrivano le prime buone notizie sulla lotta al Covid-19: a Wuhan, focolaio dell’epidemia, chiudono gli ospedali da campo costruiti per fronteggiare l’emergenza. La notizia è stata data dal quotidiano China Daily, che cita fonti della China Central TelevisionSecondo quanto emerso, infatti, a partire da domani, martedì 10 marzo, 11 dei 14 ospedali costruiti appositamente per fronteggiare l’emergenza Coronavirus dovrebbero cessare qualsiasi attività.

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

Già nei giorni scorsi gli ospedali, che dal 5 febbraio hanno lavorato per 33 giorni consecutivi, trattando oltre 12mila casi di Covid-19, avevano sospeso le operazioni con le dimissioni dei pazienti e il trasferimento dei degenti in altri strutture mediche. Secondo quanto sostiene l’emittente China Central Television, nei tre ospedali di fortuna che rimarranno ancora aperti attualmente vi sono poco più di 100 ricoverati.

Per la Cina, dunque, si tratta di un lento ritorno alla normalità, ma guai ad abbassare la guardia. Secondo Zhai Xiaohui, membro della National Health Commision, al momento quella degli 11 ospedali è una chiusura momentanea. I pazienti affetti da Coronavirus, infatti, d’ora in poi verranno inviati prima agli ospedali designati, ma, qualora dovesse esserci la necessità, le strutture ospedaliere di fortuna sono pronte a riaprire in qualsiasi momento.

Leggi anche: 

1. “Se stessimo tutti a casa il Coronavirus si fermerebbe in 15 giorni”: l’appello del rianimatore Antonio Pesenti
/ 2. Terapie intensive al collasso: “Rischio calamità sanitaria”/ 3. Coronavirus, farmacisti italiani senza mascherine ad alto rischio contagio: l’Esercito potrebbe produrle “ma il Ministero non ce l’ha mai chiesto”

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza