La via della Danimarca alla riapertura delle scuole: lezioni allo zoo e allo stadio

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 13 Mag. 2020 alle 16:47
161
Immagine di copertina
I bambini a lezione all'interno dello stadio Credits: ANSA

Riapertura delle scuole, in Danimarca lezioni allo zoo e allo stadio

La riapertura delle scuole è una grande incognita in Italia. Ma c’è un Paese europeo che si è attrezzato con un modo visionario di fare scuola all’aperto: la Danimarca. La risposta su come mantenere il distanziamento sociale, superando il problema delle classi super affollate ed evitando di imporre ai bambini le fastidiose mascherine, viene ancora una volta dai Paesi del Nord Europa. In particolare la Danimarca è il primo Paese dell’Ue a riaprire materne, asili e scuole elementari già dalla metà di aprile.

Anche le strutture scolastiche danesi, in particolare quelle della capitale Copenaghen, non riuscivano a garantire gli spazi necessari al distanziamento sociale dei bambini. La soluzione però era a portata di mano: è bastato guardare fuori dalla finestra. Anzi, oltrepassarla. E così le lezioni si sono trasferite allo zoo, nei musei, nel Parco divertimenti del Giardini Tivoli e allo stadio Parken. Dall’esplosione dell’epidemia, Copenaghen ha attivato numerosi accordi con istituzioni culturali, società e strutture immobiliari per trovare delle soluzioni alternative al problema del distanziamento. E finora è riuscita a garantire lezioni in presenza per circa 3.300 bambini.

Si chiamano “lezioni all’aperto”, e a dispetto di un meteo non propriamente mite esistono da tempo in Paesi come la Scozia, vera pioniera del settore, la Germania o appunto la Danimarca. I risultati, a detta degli esperti, sono buoni già in periodi normali e diventano ottimi dopo un periodo di lockdown tra le mura domestiche. Anche l’Italia sta valutando esperimenti di questo tipo: il report “Scuola aperta, società protetta” del Politecnico di Torino ipotizza già per la fase 2 la creazione di comunità familiari che possano gestire all’aria aperta mini-gruppi di bambini, magari con l’aiuto di operatori del terzo settore. Questa emergenza Coronavirus potrebbe trasformarsi anche in un’opportunità per ripensare i luoghi della scuola. Sicuramente i bambini apprezzerebbero questi nuovi ambienti pieni di stimoli.

Leggi anche: 1. Azzolina a TPI: “Nelle scuole 70 milioni di euro per comprare i tablet ai ragazzi che non li hanno” 2. Bestiario scolastico ai tempi del Coronavirus: la mia tragicomica esperienza con la didattica a distanza 3. Il movimento delle scuole carbonare: classi parallele in casa. La proposta di 30mila genitori contro lo stop di Azzolina

161
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.