Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 07:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Coronavirus, i 10 Paesi che rischiano di più la seconda ondata

Immagine di copertina

L'elenco in un’analisi del Guardian, che ha messo in correlazione i dati sul Covid-19 e lo strumento di tracciamento della risposta dei governi elaborato dall'Università di Oxford

Coronavirus, Paesi a rischio seconda ondata

Quali sono i Paesi che rischiano di più una seconda ondata di contagi di Coronavirus? Una risposta a questa domanda arriva da un’accurata analisi compiuta dal Guardian mettendo in correlazione i dati sul Covid-19 e lo strumento di tracciamento della risposta dei governi elaborato dall’Università di Oxford, The Oxford Covid-19 Government Response Tracker.

L’analisi riguarda 45 Paesi che fino ad oggi hanno registrato più di 25mila casi di Coronavirus ed evidenzia che tra essi 21 al momento hanno fornito risposte “rilassate”, approcci meno rigorosi alla pandemia. Di questi, 10 risultano essere i più esposti al rischio di una seconda ondata.

Ovviamente l’Italia, come la Spagna, rientra nella categoria dei 45 Paesi maggiormente colpiti dal Covid-19, ma da noi il rigido lockdown e l’allentamento graduale delle misure di contrasto alla diffusione del contagio hanno significativamente rallentato la corsa del virus, evitandoci di essere nella lista delle zone più a rischio.

L’analisi indica tra i Paesi più esposti a una seconda ondata Germania, Ucraina, Stati Uniti, Svizzera, Bangladesh, Francia, Svezia, Iran, Indonesia e Arabia Saudita. La Germania è alle prese con inattesi focolai, l’Arabia Saudita e l’Iran vivono nuovi picchi dopo aver allenato le misure di blocco. Gli Usa stanno registrando il maggiore aumento di infezioni da aprile.

Un Paese è stato classificato come “rilassato” nel contrasto al Coronavirus se il suo punteggio dell’indice di rigidità è risultato inferiore a 70 su 100, secondo gli ultimi dati del tracker dell’Università di Oxford. Il tracker valuta le campagne di informazione pubblica dei paesi, le misure di contenimento e le chiusure dando un punteggio di 100 come indice di rigore.

Secondo il Guardian l’Italia rientra tra i Paesi in ripresa dopo essersi rilassati. La lista comprende anche Turchia, Belgio, Canada, Polonia, Pakistan, Emirati Arabi Uniti, Bielorussia, Spagna, Singapore e Paesi Bassi.

Tra i 45 Paesi ne vengono infine indicati 7 che sono ancora in lockdown, con un punteggio di rigidità compreso tra 70 e 80, ma vedono crescere il numero di contagi: Repubblica Dominicana, Cile, India, Sudafrica, Portogallo, Brasile ed Egitto. Altri 5 Paesi mantengono lo stesso livello di rigore ma vedono la loro politica ripagata da un calo del numero di casi settimanali: Afghanistan, Irlanda, Regno Unito, Russia e Messico.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Ti potrebbe interessare
Esteri / Biden attacca giornalista della Cnn: “Ma che diavolo dice? Ha sbagliato lavoro”
Esteri / Hong Kong, dopo il blitz vanno a ruba le 500mila copie dell’Apple Daily: edicole prese d’assalto
Esteri / L’Iran elegge il nuovo presidente: conservatori pronti a tornare al potere
Esteri / Usa, il concerto di Bruce Springsteen è vietato a chi si è vaccinato con AstraZeneca
Esteri / Juneteenth, il giorno per ricordare la fine della schiavitù dei neri, diventa festa federale negli Usa
Esteri / Israele presta ai palestinesi oltre un milione di vaccini Pfizer in scadenza
Esteri / Schiavitù infantile, Corte Suprema Usa blocca causa contro i giganti del cioccolato
Esteri / La variante Delta spaventa il Regno Unito: mai così tanti casi da febbraio
Esteri / Chi è Lina Khan, la nuova dirigente dell'Antitrust americano che fa tremare le Big Tech
Esteri / Covid, la Cina risponde alle accuse: “Gli scienziati di Wuhan meritano il premio Nobel”