Covid ultime 24h
casi +28.352
deceduti +827
tamponi +222.803
terapie intensive -64

Coronavirus in Messico, ragazzo di 14 anni si prende cura della mamma contagiata e muore fulminato in un incidente

Di Veronica Di Benedetto Montaccini
Pubblicato il 12 Apr. 2020 alle 09:56
773
Immagine di copertina

La mamma in ospedale, ricoverata per Coronavirus, e lui a casa, ad assicurarsi che al suo ritorno la donna avrebbe trovato tutto pronto ad accoglierla. Mentre mamma Adriana combatteva la sua battaglia, Juan Eduardo, 14 anni e il maggiore di tre fratelli, si è occupato di fare la spesa, pulire e tenere tutto in ordine in attesa del momento in cui avrebbe potuto riabbracciare la madre. Ma proprio nel giorno in cui alla donna sono state comunicate le dimissioni, il ragazzo è morto, vittima di un terribile incidente.

“Era la gioia della famiglia, un bambino premuroso e amorevole”, ha spiegato Adriana, sua madre, alla quale è stato diagnosticato il coronavirus il 14 marzo presso il National Institute of Respiratory Diseases (INER) a Città del Messico. Adriana ha 37 anni, è un tassista e non sa esattamente dove sia stata infettata, anche se in diverse interviste ha affermato che avrebbe potuto aver contratto il virus durante l’ultima settimana di febbraio. Fino al 12 marzo ha avvertito i primi sintomi della malattia ma nei giorni precedenti aveva continuato a lavorare.

Il 20 marzo ha effettuato un test presso il National Institute of Respiratory Diseases (INER) e dopo alcuni giorni il suo timore è stato confermato: era positiva al Coronavirus. Da allora Juan Eduardo si è preso cura di lei durante l’isolamento in casa durato fino al 3 aprile: quello stesso giorno Adriana ha accusato una grave crisi respiratoria ed è stata trasportata in ospedale in ambulanza. Juan Eduardo ha scelto di restare a casa anziché raggiungere i suoi due fratelli ospitati da una zia, e di tenere in ordine aspettando il ritorno della madre. Proprio quel giorno su Ecatepec si è abbattuto un violento temporale che ha allagato la casa della famiglia. Il ragazzo ha provato a spingere fuori l’acqua ma proprio durante quell’operazione è rimasto fulminato.

Leggi anche: 1. [Riservato TPI] “Vi prego fateci chiudere”: la lettera disperata del 25 febbraio scritta dal direttore dell’ospedale di Alzano alla direzione generale / 2. ESCLUSIVO TPI – Parla un dipendente dell’ospedale di Alzano: “Ordini dall’alto per rimanere aperti coi pazienti Covid stipati nei corridoi”

3. Coronavirus, cosa prevede il decreto del 10 aprile e quali attività potranno riaprire / 4. “Mascherine in Lombardia? La Regione fa scappare le aziende serie e finisce per comprare dai truffatori”: la denuncia di un intermediario a TPI

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

773
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.