Coronavirus, gli scienziati hanno identificato 2 ceppi: uno è più aggressivo e contagioso

Di TPI
Pubblicato il 4 Mar. 2020 alle 15:09
3.5k
Immagine di copertina
Personale medico a Seul, in Corea del Sud. Credit: EPA/YONHAP SOUTH KOREA OUT

Coronavirus, identificati 2 ceppi: uno è più aggressivo e contagioso

Gli scienziati in Cina hanno identificato due diversi ceppi del nuovo coronavirus, uno più aggressivo e contagioso, e uno meno. Questo spiegherebbe perché, in molti casi, la nuova polmonite si sta manifestando in una forma poco violenta. A dare la notizia è l’agenzia Reuters, che cita uno studio della Peking University’s School of Life Sciences e dell’Istituto Pasteur di Shanghai presso l’Accademia cinese delle scienze, pubblicato sul National Science Review.

I ricercatori hanno cercato di risalire all’origine dell’epidemia del coronavirus e sono arrivati alla scoperta dei due ceppi, che hanno chiamato L ed S. Hanno scoperto che L era il più diffuso e anche più aggressivo, ma è diventato meno comune dall’inizio di gennaio.

Secondo il team di esperti, in Cina il 70 per cento delle persone ha contratto la forma più aggressiva e contagiosa del virus, che però era così violento che le persone che si ammalavano sono state rapidamente diagnosticate e isolate, e quindi il virus ha avuto meno possibilità di diffondersi. La diffusione del virus più aggressivo è andata via via decrescendo dopo l’inizio di gennaio. E ora sta diventando più comune S, un ceppo meno virulento.

Gli scienziati però ritengono che sia proprio S il primo ceppo del virus, che ha fatto il salto nell’uomo e continua a contagiare. In sostanza il ceppo S potrebbe essere vincente perché causa sintomi più lievi e quindi chi si ammala non necessariamente si mette a letto o va in ospedale. E di conseguenza il virus continua a diffondersi.

Lo studio è basato su 103 campioni del nuovo virus. Gli scienziati mettono tuttavia in guardia sul fatto che hanno analizzato solo una quantità limitata di dati e quindi sarà necessario continuare a lavorare per capire meglio l’evoluzione del virus. Al momento sono circa 93mila le persone contagiate nel mondo; 3200 sono morte e circa 50 mila si sono riprese.

Leggi anche:

1. Coronavirus, in arrivo il vademecum per evitare il contagio: stop a eventi sportivi, saluti a distanza, anziani a casa/ 2. Coronavirus, tamponi persi e ricette lanciate dalla finestra: il racconto di un medico

3. Dire “basta allarmismi” ormai è una scemenza: è il momento di sacrificarci, tutti (di Selvaggia Lucarelli) /4. Agenzie di viaggi e operatori del turismo in ginocchio per il coronavirus: “Costretti a chiudere o licenziare, il governo ci aiuti” | VIDEO

5. Parla Sonia, la proprietaria del ristorante cinese di Roma costretto a fermarsi: “I nostri cuochi hanno paura del coronavirus in Italia” 6. Tutte le ultime notizie sul coronavirus nel mondo / 7. Coronavirus in Italia, gli ultimi aggiornamenti

3.5k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.