Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Coronavirus, i primi sintomi dopo 11 giorni: ecco perché la quarantena ha una durata di 14 giorni

Immagine di copertina

Un nuovo studio scientifico mostra la validità delle due settimane di isolamento imposte fino ad ora dalle autorità

Coronavirus, ecco perché la quarantena ha una durata di 14 giorni

Un nuovo studio scientifico spiega perché chi è stato contagiato dal Coronavirus o pensa di averlo contratto è costretto a osservare un periodo di quarantena della durata di 14 giorni. La ricerca, realizzata dall’università statunitense Johns Hopkins e pubblicata sulla rivista Annals of Internal Medicine, infatti, ha portato alla conclusione che in media il periodo di incubazione del Covid-19 è di 5,1 giorni. Nella maggior parte dei casi, però, i primi sintomi si sviluppano dopo 11,5 giorni dall’esposizione al virus.

A Shanghai i medici sempre più online: così si riducono i contagi

Lo studio è stato effettuato dal 4 gennaio al 24 febbraio su 181 cinesi, provenienti soprattutto dalla provincia dell’Hubei, focolaio del Covid-19 in Cina, che hanno contratto il Coronavirus. Il 95 per cento del campione ha mostrato un periodo di incubazione del virus stimato in una media di 5,1 giorni. Il 97,5 per cento, invece, ha sviluppato i primi sintomi dell’infezione a 11,5 giorni dall’esposizione al virus. Secondo la ricerca, quindi, solo 101 casi su 10mila potrebbero sviluppare sintomi oltre i 14 giorni di quarantena.

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

Seppur vi sono stati alcuni rarissimi casi in cui il periodo di incubazione ha addirittura superato i 20 giorni, lo studio dimostra che i 14 giorni di incubazione imposti dalla comunità scientifica internazionale dovrebbero evitare altri possibili contagi, così come confermato da Justin Lessler, professore di epidemiologia della Johns Hopkins: “In base alla nostra analisi dei dati disponibili  l’attuale raccomandazione di 14 giorni per il monitoraggio attivo o per la quarantena è un periodo ragionevole, anche se alcuni casi potrebbero andare oltre”.

Leggi anche:

1. Coronavirus ultime notizie: il testo integrale del decreto che “chiude” la Lombardia e altre 14 province / 2. Terapie intensive al collasso: “Rischio calamità sanitaria”/ 3. Coronavirus, farmacisti italiani senza mascherine ad alto rischio contagio: l’Esercito potrebbe produrle “ma il Ministero non ce l’ha mai chiesto”

Ti potrebbe interessare
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Esteri / Teologo musulmano critica i completi delle pallavoliste turche: “Siete sultani della fede, non dello sport”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Donna di 60 anni ruba diamanti per 5 milioni di euro con un gioco di prestigio
Esteri / Donna israeliana dona un rene a un bambino di Gaza: “Ma la politica non c’entra”
Esteri / Teologo musulmano critica i completi delle pallavoliste turche: “Siete sultani della fede, non dello sport”
Esteri / Variante Delta, Fauci: “Vaccinati o no, la contagiosità dei positivi è identica”
Esteri / Obbligo di vaccino per i dipendenti Google e Facebook
Esteri / A che punto è la crisi politica in Tunisia: Said licenzia 20 alti funzionari di governo
Economia / Effetto Covid, per tornare in ufficio i lavoratori londinesi chiedono un aumento di stipendio
Esteri / In Germania è iniziata ufficialmente la quarta ondata di Covid
Esteri / Influencer di giorno, narcotrafficante di notte: arrestata la 19enne "Miss Cracolandia"
Esteri / San Marino, raggiunta l’immunità di gregge (con lo Sputnik)