Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 15:30
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La Corea del Nord minaccia di entrare in guerra contro Seul

Immagine di copertina

Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha dichiarato che il proprio esercito è pronto a un conflitto armato contro la Corea del Sud

Il leader della Corea del Nord Kim Jong-un ha annunciato che il proprio esercito è pronto a entrare in guerra contro la Corea del Sud. L’annuncio è stato diffuso dopo una riunione straordinaria con le più alte cariche dell’esercito, convocata la notte di giovedì 20 agosto.

La decisione di entrare in uno stato di “semi-guerra”, come definito dall’agenzia di stampa nazionale Kcna, è giunta dopo uno scambio di colpi d’arma da fuoco al confine tra i due Paesi. Il 20 agosto un razzo lanciato dalla Corea del Nord ha colpito una postazione militare nella città di Yeoncheon, nella Corea del Sud. L’esercito di Seul ha risposto all’attacco sparando dei colpi di artiglieria. 

Il leader nordcoreano ha dato al governo di Seul un ultimatum di 48 ore, dichiarando di essere pronto a entrare in guerra se la Corea del Sud non spegnerà gli altoparlanti installati al confine entro le ore 17 del 22 agosto.

Gli altoparlanti – parte di una strategia militare di guerra psicologica – trasmettono messaggi propagandistici contro le truppe militari nemiche. Nel 2004, con un accordo bilaterale, i due Paesi avevano deciso di interrompere le trasmissioni di propaganda al confine.

Il 10 agosto tuttavia la Corea del Sud ha riattivato gli altoparlanti, in seguito all’esplosione di una mina nordcoreana che ha ferito due militari sudcoreani. L’incidente è avvenuto nella cosiddetta area demilitarizzata,  una striscia di terra larga quattro chilometri che separa i due Paesi e che fu creata alla fine della guerra tra le due Coree (1950-1953). Alcuni giorni dopo, anche la Corea del Nord ha ripreso a utilizzare gli altoparlanti.

Il ministro dell’Interno della Corea del Sud ha annunciato che le trasmissioni non saranno interrotte. Il ministero dell’Unificazione – il dipartimento del governo di Seul che lavora per la riunificazione dei due Paesi – ha inoltre posto delle limitazioni agli spostamenti in alcune aree vicino al confine.

Fin dalla fine della guerra, nel 1953, i rapporti tra i due Paesi sono rimasti molto complicati. Le due Coree ufficialmente sono ancora in guerra, perché il conflitto armato si è risolto con un armistizio e non con un trattato di pace.

Articoli correlati:

— Fuggire dalla Corea del Nord

La Corea del Nord adotta un nuovo fuso orario 

— Foto: la Corea del Nord vista dai turisti

— Odissea nordcoreana

Ti potrebbe interessare
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Ti potrebbe interessare
Esteri / Facebook cambierà nome: presto l’annuncio ufficiale
Esteri / Le femministe fanno causa a Miss France: “Spettacolo sessista e discriminatorio”
Esteri / Regno Unito, torna a fare paura il Covid: oltre 200 morti al giorno e 43mila casi. Sotto osservazione nuova mutazione
Esteri / Caso Polonia, Von der Leyen: “Sentenza della corte polacca è sfida all’Ue”. Morawiecki: “No a ricatti”
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio