Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:43
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Continuano gli attacchi di Boko Haram in Nigeria

Immagine di copertina

Il gruppo jihadista ha ucciso quattro persone e rapito tre donne nel villaggio di Kautuva, nella Nigeria nordorientale

Il gruppo jihadista Boko Haram martedì 14 giugno ha ucciso quattro persone e rapito tre donne nel nordest della Nigeria, nei pressi della città di Chibok. I miliziani hanno attaccato all’alba il villaggio di Kautuva, appiccando incendi nelle case dei residenti.

S&D

L’organizzazione affiliata all’Isis non è nuova a queste violenze. Nel 2014, i suoi membri hanno rapito 276 studentesse nigeriane, la maggior parte delle quali è ancora nelle loro mani.

Inizialmente focalizzato sulla lotta all’educazione occidentale (Boko Haram significa “l’istruzione occidentale è proibita”), nel corso del tempo le ambizioni del gruppo sono cresciute.

Infatti, i numerosi rapimenti di uomini, donne e bambini, sono parte di una più ampia strategia che Boko Haram usa per combattere il governo e instaurare un califfato islamico in Nigeria.

Nonostante l’esercito regolare abbia recuperato la maggior parte dei territori sotto il controllo dei jihadisti durante la presidenza di Muhammadu Buhari, i miliziani jihadisti continuano a seminare il terrore fra la popolazione.

In totale, durante i sette anni di guerra con il governo centrale, sono morte circa 15mila persone.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, approvato pacchetto di aiuti per Ucraina, Israele e Taiwan: a Tel Aviv andranno 17 mld dlr. Libano, Idf: "Colpiti siti di Hezbollah nel sud". La Germania riprende la cooperazione con l'Unrwa
Esteri / Gaza: oltre 34.180 morti. Hamas chiede un'escalation su tutti i fronti. Tel Aviv nega ogni coinvolgimento con le fosse comuni di Khan Younis. Libano, Idf: "Uccisi due comandanti di Hezbollah". Il gruppo lancia droni su due basi in Israele. Unrwa: "Impedito accesso ai convogli di cibo nel nord della Striscia"
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, approvato pacchetto di aiuti per Ucraina, Israele e Taiwan: a Tel Aviv andranno 17 mld dlr. Libano, Idf: "Colpiti siti di Hezbollah nel sud". La Germania riprende la cooperazione con l'Unrwa
Esteri / Gaza: oltre 34.180 morti. Hamas chiede un'escalation su tutti i fronti. Tel Aviv nega ogni coinvolgimento con le fosse comuni di Khan Younis. Libano, Idf: "Uccisi due comandanti di Hezbollah". Il gruppo lancia droni su due basi in Israele. Unrwa: "Impedito accesso ai convogli di cibo nel nord della Striscia"
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza, al-Jazeera: "Recuperati 73 corpi da altre tre fosse comuni a Khan Younis". Oic denuncia "crimini contro l'umanità". Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Macron chiede a Netanyahu "un cessate il fuoco immediato e duraturo". Erdogan: "Evitare escalation". Usa: "Nessuna sanzione per unità Idf, solo divieto di ricevere aiuti"
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini
Esteri / Influenza aviaria, la preoccupazione dell’Oms per la trasmissione tra umani
Esteri / Media: “Hamas valuta l’ipotesi di lasciare il Qatar”. Bombardata in Iraq una base filo-iraniana
Esteri / Israele ha lanciato un attacco contro l’Iran: colpita una base militare a Isfahan. Media: “Teheran non pianifica una ritorsione immediata”. Blinken: "Usa non coinvolti"