Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Dopo 11 anni, una consulente di Shell si dimette e accusa l’azienda: “Ha causato danni estremi all’ambiente”

Immagine di copertina

Della storia di Caroline Bennett in Italia non ne ha parlato quasi nessun media. Eppure le dimissioni di questa donna hanno fatto scalpore in molti altri Paesi.

Dopo 11 anni di lavoro, Bennett, consulente per Shell, ha rassegnato le sue dimissioni. Ad annunciarlo è stata lei stessa tramite i social, dove ha pubblicato il lungo testo dell’email inviata ai dirigenti della società petrolifera e a 1400 dipendenti. Ma la notizia non sta tanto nelle dimissioni quanto nelle sue motivazioni: “Shell non tiene conto dei rischi dei cambiamenti climatici”, ha spiegato la donna. “Vado via finché c’è ancora tempo”.

In un video, pubblicato su LinkedIn, racconta di essersi licenziata a causa del “doppio discorso sul clima” della Shell, che tra l’altro – dice – è pienamente consapevole che i suoi continui progetti di estrazione ed espansione di petrolio e gas stanno causando danni estremi al clima, all’ambiente, alla natura e alle persone.

Dennett ha accusato la compagnia petrolifera di “operare oltre i limiti di sopportazione del nostro Pianeta” e di “non anteporre la sicurezza ambientale alla produzione” di combustibili fossili. E ha aggiunto: “Shell ha dichiarato che la sua ambizione è quella di non nuocere all’ambiente”. Ma secondo l’esperienza di Dennett le cose non stanno cosi: “L’azienda sa che l’estrazione continua di petrolio e di gas provoca danni estremi al nostro clima, al nostro ambiente e alle persone. E qualunque cosa dicano, nella realtà Shell non sta riducendo l’estrazione di combustibili fossili” ma, anzi, “sta pianificando di aumentarla”. Dennett ha dichiarato al Guardian di non sopportare questo conflitto interiore e di essere pronta “ad affrontare le conseguenze”.

“Non abbiamo dubbi, siamo determinati a realizzare la nostra strategia globale per essere un’azienda a emissioni zero entro il 2050 e migliaia di persone stanno lavorando duramente per raggiungere questo obiettivo. Abbiamo fissato target a breve, medio e lungo termine e abbiamo tutte le intenzioni di raggiungerli”, ha replicato un portavoce di Shell sul Guardian.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e tre leader di Hamas
Esteri / Vittoria per Julian Assange: può fare appello contro l’estradizione negli Usa
Esteri / Iran: cosa può accadere ora dopo la morte del presidente Raisi
Ti potrebbe interessare
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e tre leader di Hamas
Esteri / Vittoria per Julian Assange: può fare appello contro l’estradizione negli Usa
Esteri / Iran: cosa può accadere ora dopo la morte del presidente Raisi
Esteri / Cosa sappiamo finora sull'incidente del presidente iraniano Raisi
Esteri / Corte penale internazionale, il procuratore capo chiede l'arresto per Netanyahu, Gallant e i leader di Hamas. Israele: "Uno scandalo". Biden: "Oltraggioso". Hamas: "Equipara vittime e carnefice"
Esteri / Iran: Mokhber presidente ad interim. Ali Bagheri nominato ministro degli Esteri. Domani i funerali di Stato. Aperta un'indagine sull'incidente. Il Consiglio di Sicurezza Onu osserva un minuto di silenzio
Esteri / Guerra in Ucraina, Kiev: “I russi hanno perso 10.000 uomini in una settimana”
Esteri / Ultimatum di Gantz a Netanyahu. L’Onu: 800 mila persone in fuga da Rafah. Al Jazeera: 64 morti a Gaza nelle ultime 24 ore
Esteri / Guerra in Ucraina, Mosca: eliminati nel Donbass 125 militari ucraini in 24 ore
Esteri / Televisione israeliana: sospese le trattative su ostaggi. Attaccata petroliera al largo dello Yemen. Idf: "Ucciso Khamayseh"