Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 01:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Brasile, il consolato portoghese di San Paolo sospende le richieste di cittadinanza: “Troppe domande”

Immagine di copertina

A seguito delle elezioni, il numero di richieste per ottenere la cittadinanza portoghese è stato così alto che gli uffici hanno problemi a smaltire la mole di domande

Il consolato del Portogallo a San Paolo ha annunciato di aver sospeso temporaneamente le richieste presentate agli uffici di san Paolo e Santos per ottenere la cittadinanza portoghese a causa dell’elevato numero di domande inviate a seguito delle elezioni.

“Stiamo ricevendo un numero crescente di richieste in questo consolato, in particolare per quanto riguarda la cittadinanza e le domande di visto”, si legge in una nota pubblicata sul sito web.

“L’aumento esponenziale del numero di domande presentate sta ritardando l’elaborazione, la revisione e la finalizzazione di tutte le richieste fino ad ora ricevute dalle strutture consolari”.

“La misura”, spiegano ancora dal consolato, “è volta ad evitare ritardi ancora maggiori sulle richieste al momento in sospeso”.

Inoltre, il consolato ha anche spiegato che a partire dal 2 gennaio 2019 saranno fornite ai cittadini brasiliani nuove informazioni sui servizi offerti dal consolato e sulle nuove modalità attraverso cui presentare le richieste di cittadinanza.

Dopo un periodo di calo delle migrazioni registrato nei primi mesi del 2010, che ha coinciso con la recessione del Portogallo e l’imposizione di misure di austerità per uscire dalla crisi, l’interesse dei cittadini del Brasile per il paese europeo è nuovamente aumentato.

Dopo sei anni di calo graduale, il numero di brasiliani che hanno fatto richiesta e ottenuto i visti per la residenza permanente in Portogallo è tornato nuovamente ad aumentare.

Ancora una volta, i brasiliani sono la più grande comunità straniera presente in Portogallo, con 85.426 cittadini.

Sebbene i dati ufficiali mostrino un aumento del 5,1 per cento del numero dei brasiliani che vivono in Portogallo, si tratta di stime considerate approssimative.

Nel conteggio infatti non sono incluse le persone che hanno la doppia cittadinanza (portoghese o altro paese dell’UE).

Secondo altri dati in possesso del governo portoghese, per esempio, si evince che il numero di italiani che vivono in Portogallo è aumentato del 50 per cento nel 2018. Di questi, il 17 per cento sono anche cittadini brasiliani.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini
Esteri / Russia: 800 manifestanti arrestati per le proteste contro la mobilitazione in tutto il Paese
Esteri / Corea del Nord lancia missile balistico nel mar del Giappone
Ti potrebbe interessare
Esteri / Iran: uccisa con 6 proiettili la 20enne Hadis Najafi mentre manifestava per Mahsa Amini
Esteri / Russia: 800 manifestanti arrestati per le proteste contro la mobilitazione in tutto il Paese
Esteri / Corea del Nord lancia missile balistico nel mar del Giappone
Esteri / Servizio militare, Putin: “Pene più dure a chi diserta o si arrende”. L’Ue: favorire asilo per chi scappa
Esteri / Josep Borrell: “Prendiamo sul serio minaccia nucleare di Putin”
Esteri / Yvon Chouinard: storia del fondatore di Patagonia, che ha deciso di donare la sua azienda per il clima
Esteri / Ucraina, missile russo su Zaporizhzhia: un morto e 7 feriti
Esteri / Morti oltre 80 migranti al largo della Siria. Le famiglie sul barcone cercavano di raggiungere l'Europa
Esteri / Morte della Regina: “Harry furioso per l’esclusione di Meghan da Balmoral”
Esteri / Il Cremlino avverte Kiev: “Dopo il referendum, ogni attacco in Donbass sarà contro la Russia”