Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 07:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio

Immagine di copertina

Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio

Da eroe nazionale al carcere per terrorismo. Paul Rusesabagina, l’ex albergatore ruandese diventato celebre in tutto il mondo per aver salvato più di mille persone di etnia tutsi durante il genocidio del 1994 in Ruanda, è stato condannato nel suo paese di origine a una pena di 25 anni per aver fondato e finanziato un’organizzazione terroristica.

Rusesabagina, il cui impegno umanitario era stato immortalato nel film “Hotel Rwanda” del 2004, nel corso degli anni è diventato sempre più critico del presidente Paul Kagame, ex comandante tutsi al potere in Ruanda da più di venti anni.

Durante la guerra tra hutu e tutsi del 1994, in cui persero la vita più di un milione di persone in soli 100 giorni, Rusesabagina si distinse per aver ospitato nell’albergo di cui era direttore più di 1.200 tutsi, riuscendo a trattare con i miliziani hutu per sventare un attacco da parte di centinaia di combattenti armati di “lance, machete e fucili”, come raccontato nella sua autobiografia.

Il film ispirato alla sua storia, valso una nomination agli Oscar all’attore che lo aveva interpretato, Don Cheadle, lo aveva reso una celebrità a livello globale, portandolo a ricevere la Presidential Medal of Freedom, la più alta onorificenza civile degli Stati Uniti, da George W. Bush nel 2005.

Rusesabagina, che dopo il conflitto in Rwanda aveva ottenuto asilo in Belgio dove faceva il tassista, negli ultimi anni ha usato la sua fama per denunciare le violazioni dei diritti umani da parte del governo Kagame, accusato questa volta di violare i diritti degli hutu.

Dopo essere stato rimpatriato l’anno scorso in quello che la sua famiglia ha definito un “sequestro”, lo “Schindler africano” è stato arrestato e accusato di aver sostenuto il Fronte di liberazione nazionale (Fln), braccio armato del gruppo di oppositori all’estero di cui Rusesabagina era alla guida, il Movimento per il cambiamento democratico (Mrcd).

Il 67enne, che negli scorsi mesi aveva deciso di ritirarsi dal processo sostenendo non fossero garantiti i suoi diritti di imputato, ha negato che il Fln sia un gruppo terroristico. “Non nego che l’Fln abbia commesso crimini ma il mio ruolo era la diplomazia”, ha detto. L’organizzazione si è dichiarata in parte responsabile per alcuni attentati compiuti nel 2018 e nel 2019 nel sud del Paese, che hanno causato la morte di 9 ruandesi.

Il presidente Kagame ha smentito che Rusesabagina sia stato costretto con la forza a venire in Ruanda, parlando di un semplice errore. Durante il processo, la persona che lo accompagnato in viaggio da Dubai ha riferito di averlo ingannato, facendogli che si stava recando in Burundi.

“Questo verdetto non significa nulla per noi. Nostro padre è stato rapito”, ha detto ad al-Jazeera la figlia Carine Kanimba, definendo il padre un “prigioniero politico”. “Mio padre sa che i suoi diritti sono stati violati (…) ecco perché ha deciso di uscire dal processo, è tutto politico”, ha detto.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Ti potrebbe interessare
Esteri / Morto Colin Powell, primo afroamericano a ricoprire il ruolo di segretario di Stato Usa
Esteri / La crisi climatica colpisce Gaza: il territorio palestinese rimarrà senza olio
Esteri / Crisi climatica: negli Stati Uniti il fiume Colorado rischia di scomparire
Esteri / Scotland Yard, il deputato britannico David Amess è stato ucciso “per terrorismo”
Esteri / Polonia, in piazza per dire No all’uscita dall’Ue: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Buckingham Palace e la Torre di Londra potrebbero finire in fondo al mare: lo studio
Esteri / Dall’Austria all’Etiopia: le notizie dal mondo di questa settimana
Esteri / Farnesina, gioco delle coppie all’ambasciata in Russia: parentopoli all’italiana
Esteri / Sei vegano? Nel Regno Unito puoi esimerti dal vaccino anti-Covid: “È come una fede religiosa”
Esteri / La regina Elisabetta come Greta: "I leader parlano di ambiente, ma non fanno niente"