Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:40
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Un commando di 6 attentatori attacca un carcere in Mali, liberando 21 prigionieri

Immagine di copertina

Il ministro Mamadou Konate Ismael ha detto che i sei aggressori volevano liberare due terroristi detenuti nella prigione

Uomini armati non ancora identificati hanno liberato 21 prigionieri nella città meridionale di Banamba, in Mali. Il ministro della Giustizia maliano lo ha descritto come un “attacco terroristico”.

Il ministro Mamadou Konate Ismael ha detto che i sei aggressori volevano liberare due terroristi detenuti nella prigione, ma i due erano stati precedentemente trasferiti in un’altra città. Il ministro ha aggiunto che una guardia carceraria era scomparsa, senza dare ulteriori dettagli. 

Un portavoce dell’esercito ha detto che l’attacco è avvenuto intorno alle 22 (ora italiana) del 6 novembre. 

Non è stato immediatamente chiaro che ci fosse dietro l’attacco, ma i gruppi islamisti, come Ansar Dine hanno intensificato la loro insurrezione in Mali quest’anno. All’attivo hanno più di 60 attacchi contro obiettivi delle Nazioni Unite dal mese maggio e l’espansione verso sud, in aree precedentemente considerate sicure.

“Ho sentito degli spari mentre mi stavo preparando per andare a dormire”, ha detto Yacouba Doucouré, un residente di Bananba. “Più tardi ho saputo che c’era stato un attacco in una zona militare e contro la prigione”.

Poche ore prima un soldato dell’Onu era stato ucciso nella regione di Mopti, insieme a 3 civili. 

Cose da sapere sul Mali: 

Le basi: la Repubblica del Mali è uno stato dell’Africa nordoccidentale. Si trova a sud dell’Algeria, a ovest del Niger, a est della Mauritania e a nord di Costa d’Avorio, Burkina Faso, Senegal e Guinea. Non ha sbocchi sul mare.

Indipendenza: col nome di Sudan francese è stato una colonia della Francia dal 1892 fino al 1960, anno in cui è diventato una repubblica indipendente con capitale Bamako.

Popolazione: i gruppi etnici principali sono quelli dei Bambara (l’etnia principale del Mali, costituita dal 32 per cento della popolazione dello stato), Bozo, Dogon, Malinke, Sarakollé, Songhai e Tuareg. Gli abitanti sono più di 14,5 milioni.

Religione: musulmani (in maggioranza sunniti) 80 per cento, animisti 18 per cento, cristiani uno per cento. 

Lingue: la lingua ufficiale e quella più diffusa è il francese. Nel nord è parlato anche il tuareg e in altre zone la lingua berbera, il soninke e il xaasongaxango.

Economia: nonostante diverse zone dello stato siano improduttive, il Mali è autosufficiente dal punto di vista del cibo grazie alla presenza del fiume Niger e alla ricchezza delle aree che si affacciano lungo il suo corso. È uno dei principali produttori di cotone dell’Africa.  

Scontri interni: Negli anni Novanta, l’etnia dei Tuareg ha iniziato una rivolta nel nord del Mali, opponendosi sistematicamente al governo centrale.

Nel 2011 i Tuareg, dopo essere entrati in possesso di numerose armi grazie al conflitto civile libico, hanno lanciato una ribellione nella parte settentrionale del Mali, sostenuta anche da diverse milizie legate ad Al-Qaeda. 

Nel giugno del 2012 questa coalizione ha preso il controllo di alcune delle principali città del paese, imponendovi la legge islamica, la Sharia.

Nel 2013, quando la rivolta si stava avvicinando minacciosamente alla capitale Bamako, il governo del Mali ha chiesto aiuto alla Francia: per questa ragione, nel luglio dello stesso anno, circa 12mila caschi blu dell’Onu hanno messo in sicurezza diverse aree del nord del Paese.

Nel 2014 la Francia ha lanciato un’operazione per eliminare i gruppi jihadisti nel Sahel – una fascia di territorio che attraversa in orizzontale tutta l’Africa, dalla Mauritania al Sudan – ma gli attacchi dei Tuareg e di altri gruppi islamici nel nord del Mali sono continuati.

Tra maggio e giugno del 2015 è stato firmato un accordo di pace tra il governo e i ribelli del nord del Mali, raggruppati nel gruppo Coordinazione dei movimenti dell’Azawad (CMA).

Ti potrebbe interessare
Esteri / Amsterdam, persona muore risucchiata dalla turbina di un aereo in partenza
Esteri / Attacchi ucraini in Russia con armi occidentali, anche Biden pronto a dire sì. Lavrov: “Reagiremo”
Esteri / Xi Jinping: “Conferenza di pace ad ampia base sul Medio Oriente”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Amsterdam, persona muore risucchiata dalla turbina di un aereo in partenza
Esteri / Attacchi ucraini in Russia con armi occidentali, anche Biden pronto a dire sì. Lavrov: “Reagiremo”
Esteri / Xi Jinping: “Conferenza di pace ad ampia base sul Medio Oriente”
Esteri / “Avrei bombardato Mosca e Pechino”: l’imprevedibilità di Trump e la guerra
Esteri / La Corea del Nord invia palloncini carichi di feci e spazzatura in Corea del Sud. Seul: “Fermatevi”
Esteri / Macron e Scholz: “L’Ucraina deve poter colpire la Russia”. Putin: “Si rischia una guerra globale”
Esteri / Il maltempo danneggia il molo costruito da Usa, sospesi gli aiuti umanitari a Gaza, Riad accusa Israele: “Continui massacri genocidari”. carri armati israeliani proseguono attacchi a Gaza
Esteri / Il Papa si scusa per il termine “frociaggine”: “Non volevo offendere nessuno, la Chiesa è di tutti”
Esteri / Gaza, al-Jazeera: oltre 20 morti in un nuovo raid di Israele a Rafah. Idf smentiscono. Carri armati israeliani raggiungono il centro città. Tel Aviv schiera un'altra brigata. Oms: 723 operatori sanitari uccisi dal 7 ottobre. Quasi 36.100 vittime in totale. Mar Rosso: attaccato un mercantile al largo dello Yemen. Spagna, Irlanda e Norvegia riconoscono lo Stato di Palestina. Slovenia deciderà il 30 maggio. No della Danimarca
Esteri / “Nei seminari c’è già troppa frociaggine”: la frase omofoba attribuita a Papa Francesco