Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

Ecco come cambiano i film Pixar nei diversi paesi del mondo

Immagine di copertina

Nonostante i tratti principali dei film Pixar rimangano sempre identici, alcuni dettagli cambiano a seconda dei paesi per rendere le storie più comprensibili

Era il 1986 quando John Lasseter, Ed Catmull e Steve Jobs fondarono i Pixar Animation Studios in California. Da allora, passando per l’acquisto da parte della Disney nel 2006, la casa di produzione di film d’animazione ha goduto di un successo incredibile, creando film amatissimi come Toy Story, Cars, Alla ricerca di Nemo e Inside Out.

Poco nota dell’azienda californiana è l’attenzione nel far sì che le versioni internazionali dei suoi film siano quanto più possibile comprensibili ai suoi spettatori, che essendo in molti casi bambini, potrebbero non capire riferimenti culturali tipicamente statunitensi.

Naturalmente questo vale per le scritte, che solitamente sono tradotte nella lingua parlata nel paese di destinazione, oppure totalmente sostituite con disegni che facciano passare con un’immagine lo stesso messaggio delle parole.

Altri dettagli possono essere modificati per essere più facilmente comprensibili. Nella versione giapponese di Inside Out, per esempio, i broccoli che la bambina protagonista non vuole mangiare sono sostituiti da peperoni, perché nel paese asiatico i broccoli sono un ortaggio molto amato.

Oppure, nello stesso film, un padre che fantastica di una partita di hockey è sostituito con l’immagine mentale di una partita di calcio, sport che in molti paesi, tra cui l’Italia, è molto più popolare.

Ecco il video, realizzato dal canale YouTube Oh My Disney, che raccoglie alcuni esempi di queste modifiche:

— LEGGI ANCHE: Il video che dimostra come tutti i film della Pixar sono connessi tra loro

**Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata.**

Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Usa, crisi al confine con il Messico: più di 10mila migranti sotto a un ponte in Texas
Esteri / Il Parlamento Ue vuole una legge per contrastare i femminicidi: “È violenza di genere”
Esteri / Papa Francesco: “No vax anche tra i cardinali. Uno è ricoverato. Sì alle unioni civili per gli omosessuali”
Esteri / Instagram danneggia la salute mentale delle adolescenti. Facebook lo sa, ma non fa niente
Esteri / “Il burqa non è nella nostra cultura”: la campagna social delle donne afghane contro i talebani
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Esteri / Israele, morto per Covid il leader dei no vax. Anche dall’ospedale incitava i suoi: “Continuate le proteste”
Esteri / “Dopo l’assalto a Capitol Hill i militari tolsero a Trump l’accesso alle armi nucleari”
Esteri / La Corte europea dei diritti dell’uomo: il green pass “non viola i diritti umani”
Esteri / Incendio in Spagna: migliaia di persone in fuga dalle fiamme vicino alla Costa del Sol