Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Colombia elezioni 2018: chi ha vinto, chi ha perso

Immagine di copertina
Due donne votano per le elezioni politiche in Colombia in un seggio di Bogotà. Credit: Daniel Garzon Herazo/NurPhoto

Ad imporsi come principale forza politica del paese è stato il Centro democratico, partito di destra che si oppone all'accordo di pace con le "Farc", le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia, che per la prima volta hanno partecipato al voto

Domenica 11 marzo 2018 si sono svolte le elezioni politiche in Colombia.

Ad imporsi come principale forza politica del paese è stato il Centro democratico, partito di destra che si oppone all’accordo di pace con le “Farc”, le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia, che per la prima volta hanno partecipato alle elezioni.

Il Centro democratico, fondato dall’ex presidente Alvaro Uribe, ha ottenuto il 17 per cento dei consensi, piazzandosi davanti al partito socialdemocratico PL che ha ottenuto il 13 per cento, quando era al 95 per cento il conto delle schede scrutinate.

Al 12 per cento segue il Partito sociale di unità nazionale del presidente Juan Manuel Santos, insieme al partito di destra Cambio Radical ed al Partito conservatore.

Cocente sconfitta per le ex forze armate rivoluzionarie della Colombia, che nel loro debutto elettorale hanno scelto il nome di Forza rivoluzionaria alternativa comune, mantenendo il vecchio acronimo in spagnolo “Farc”, e hanno ottenuto appena lo 0,4 per cento dei voti.

Attraverso l’accordo di pace siglato con il governo di Bogotá nel 2016, che ha messo fine a un conflitto durato 52 anni, le Farc avranno comunque diritto a 10 seggi in tutto il Congresso, con cinque al Senato e cinque nella Camera dei Rappresentanti.

Il partito di Uribe è secondo alla Camera con il PL primo in vantaggio di un punto.

Nonostante il risultato positivo di Centro democratico, i tre partiti moderati che hanno sostenuto la coalizione del governo attuale manterrebbero la maggioranza di seggi con il 43 per cento al Senato e il 38 per cento alla Camera.

L’11 marzo i colombiani hanno votato anche per le primarie che designano i candidati delle principali coalizioni alle presidenziali che si svolgeranno il 27 maggio 2018.

Per la destra ha vinto il candidato del Centro democratico Ivan Duque, mentre per la sinistra si è imposto l’ex sindaco di Bogotà, Gustavo Petro.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Iran: Pasdaran abbordano una nave "collegata a Israele" | VIDEO
Esteri / L’ex ambasciatore Usa era una spia a servizio di Cuba: “Condannato a 15 anni di carcere”
Esteri / Australia, accoltella i passanti a Sydney: 6 morti. La polizia: "Non è terrorismo"
Ti potrebbe interessare
Esteri / Iran: Pasdaran abbordano una nave "collegata a Israele" | VIDEO
Esteri / L’ex ambasciatore Usa era una spia a servizio di Cuba: “Condannato a 15 anni di carcere”
Esteri / Australia, accoltella i passanti a Sydney: 6 morti. La polizia: "Non è terrorismo"
Esteri / Cisgiordania: ucciso un 14enne israeliano. I coloni attaccano i palestinesi: 6 feriti
Esteri / Ciao, ho 30 anni e sono il problema
Esteri / Hamas: "La guerra non è l'ultimo round contro Israele". Anera riprende le attività a Gaza
Esteri / Vaccini, l’Europarlamento boccia la proposta di creare il “Cern della Salute” per tutelare l’interesse pubblico
Esteri / È morto O. J. Simpson, l'ex campione di football americano aveva 76 anni
Esteri / Di chi è il Medio Oriente? I limiti di Washington e il campo minato delle grandi potenze mondiali (di G. Gambino)
Esteri / Fonti intelligence: “Imminente l'attacco dell’Iran”. Biden assicura: “Proteggeremo Israele”. Wall Street Journal: “Si teme gran parte degli ostaggi a Gaza siano morti”