Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

La cocaina a domicilio arriva più velocemente della pizza

Immagine di copertina

Secondo un sondaggio condotto dal Global Drug Survey, in alcuni paesi nel mondo si può ricevere a domicilio una dose di cocaina più velocemente di una pizza

In alcuni paesi nel mondo si può ricevere a domicilio una dose di cocaina più velocemente di una pizza.

Sembra uno scherzo o quantomeno una provocazione, ma in realtà questa considerazione nasce da uno studio fatto dal Global Drug Survey (GDS), un’organizzazione di ricerca indipendente con sede a Londra che ha l’obiettivo di contribuire al miglioramento dell’educazione sulle droghe, alla riduzione del danno, alle politiche e al dibattito sull’utilizzo di sostanze psicoattive.

TPI è stato, tra l’altro, uno dei 25 media partner di oltre 30 paesi di un importante sondaggio sull’uso di droghe nel mondo, lanciato a novembre 2017 proprio dal Global Drug Survey.

Stavolta, il gruppo di accademici che fanno parte dell’organizzazione si è concentrato sulla somministrazione di droghe a domicilio, un fenomeno sempre più in espansione.

In gran parte questo è dovuto al costante aumento delle telecamere a circuito chiuso nelle città, che rende sempre più rischiosa la vendita di sostanze in strada, sia per i pusher sia per gli acquirenti.

La maggiore sicurezza nella compravendita, insieme a un miglior grado di purezza del prodotto, porta a un aumento dell’uso e di conseguenza anche dei danni ai consumatori di sostanze.

La consegna a domicilio, effettuata in maniera rapida e a condizioni più vantaggiose, fa parte delle nostre vite e rappresenta l’espansione dei mercati al dettaglio in tutto il mondo.

Così come lo shopping online sta decimando i negozi su strada, specialmente i più piccoli, il commercio online di droghe potrebbe far sparire molti pusher di strada, senza tuttavia diminuire lo spaccio e il consumo, anzi.

I risultati della ricerca in esame, infatti, mostrano che le sostanze proibite come la cocaina sono assimilabili a qualsiasi altra merce.

Come in qualsiasi mercato concorrenziale, uno spacciatore cerca di migliorare l’esperienza di acquisto al fine di ottenere un vantaggio competitivo rispetto ad altri fornitori.

I grandi rivenditori online sanno perfettamente che ridurre il tempo che passa tra l’acquisto e la consegna è vantaggioso per il business.

In questo modo, infatti, si rafforzano le abitudini di shopping, esattamente come per l’assunzione di droghe.

Più rapido è l’inizio dell’effetto dopo il consumo, più la sostanza diventa avvincente.

È il motivo per cui il fumo e l’iniezione, che trasferiscono l’effetto di uno stupefacente al cervello in meno di 5 secondi, sono i metodi di assunzione con il più alto potenziale di dipendenza.

Basti pensare al tabacco, all’eroina e al crack.

Per molte droghe, il desiderio di consumo arriva da un impulso del nostro cervello (nel caso della cocaina questo è di solito preceduto dall’assunzione di alcol), che si vuole soddisfare il più velocemente possibile.

La consegna rapida e a domicilio può portare alcune persone ad usare più cocaina più spesso e, di conseguenza, a perdere più facilmente il controllo sull’uso che se ne fa.

La droga a domicilio, quindi, non solo sfida le forze dell’ordine, ma potenzialmente va contro la riduzione del danno e le iniziative di promozione della salute.

Ad oggi, l’unico fattore che limita ancora in parte l’uso della cocaina sembra essere il suo prezzo relativamente elevato nella maggior parte dei paesi.

Lo studio del Global Drug Survey mostra addirittura che in molte grandi città è davvero possibile farsi consegnare a casa una bustina di cocaina più velocemente di una pizza.

Una ricerca aveva analizzato 130mila consumatori di sostanze in 44 paesi, rilevando che più di un terzo delle persone nel campione riesce a ricevere la polvere bianca direttamente a casa in meno di mezz’ora.

Nell’ultimo studio, è risultato che in tutto il mondo, il 30,3 per cento dei 15mila consumatori di cocaina interrogati per il Global Drug Survey 2018 affermava di ricevere la propria consegna entro trenta minuti, mentre solo il 16,5 per cento ha affermato di ricevere la pizza ordinata nello stesso tempo.

cocaina pizza domicilio

La consegna più veloce di coca, secondo lo studio, avviene in Brasile, Paesi Bassi, Danimarca, Colombia, Scozia, Inghilterra e Repubblica Ceca.

In tutti e sette i paesi, oltre la metà dei partecipanti al sondaggio ha dichiarato di poter ricevere la cocaina in meno di 30 minuti e il 45 per cento dei brasiliani ha dichiarato un tempo ancora minore.

Seguendo questo link è possibile partecipare al sondaggio del Global Drug Survey per contribuire a completare la mappa sulla consegna di cocaina a domicilio.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Ti potrebbe interessare
Esteri / Grecia, da gennaio obbligo vaccinale per gli over 60: multe di 100 euro al mese per i trasgressori
Esteri / Variante, in Nigeria Omicron presente già a ottobre
Esteri / Unhcr: al via la campagna per salvare 3,3 milioni di rifugiati dal gelo invernale
Esteri / Bradley Cooper minacciato nella metropolitana di New York: “Aggredito con un coltello”
Esteri / AIRL, a Roma il Gala dell’amicizia italo-libica: “Che sia l’inizio di una nuova vita, di una stretta collaborazione”
Esteri / Variante, nel Regno Unito torna l’obbligo di mascherina nei luoghi e sui mezzi pubblici
Esteri / Austria, morto di Covid l’esponente No Vax Biacsics: aveva tentato di curarsi con clisteri di candeggina
Esteri / Usa, sparatoria in una scuola del Michigan: 15enne apre il fuoco sui compagni. Morti 3 studenti
Cronaca / L'a.d. di Moderna: “Vaccini meno efficaci contro Omicron"
Esteri / Covid, il Regno Unito verso la terza dose agli over 18 dopo tre mesi dalla seconda