Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La coalizione curdo-araba lancia l’offensiva per liberare Raqqa, capitale dell’Isis in Siria

Immagine di copertina

L'operazione, appoggiata dagli Stati Uniti, comincerà nelle prossime ore

Le Forze democratiche siriane (Sdf), coalizione curdo-araba appoggiata dagli Stati Uniti, hanno annunciato domenica 6 novembre 2016 l’inizio di un’offensiva per riconquistare la città di Raqqa, in Siria, capitale de facto del sedicente Stato Islamico. L’operazione comincerà nelle prossime ore e gli Stati Uniti offriranno copertura aerea della zona.

In una conferenza stampa nella città siriana di Ayn Issa, circa 50 chilometri a nord di Raqqa, i comandanti del Sdf hanno detto che l’obiettivo dell’operazione sarà liberare la città, nominata capitale del Califfato nel 2014.

I miliziani curdi dell’Unità di protezione popolare (Ypg) costituiscono uno dei gruppi armati più potenti in Siria e sono considerati come il nucleo principale di Sdf, un’alleanza formata lo scorso anno per combattere l’Isis con il sostegno di Washington.

L’offensiva è stata annunciata mentre è ancora in corso la campagna per la liberazione di Mosul, la principale città sotto il controllo dell’Isis in Iraq, lanciata lo scorso 17 ottobre dall’esercito iracheno.

La Turchia, che confina con il nord della Siria, non prenderà parte all’offensiva. Il governo turco ritiene infatti che le milizie curde di Ypg siano un’organizzazione terroristica e non accetta un loro ruolo nella liberazione di Raqqa.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Burkina Faso, attentato durante la messa nel nord-est: almeno 15 morti e 2 feriti
Esteri / Regno Unito, media: “Il tumore di Carlo III potrebbe essere più grave del previsto. Il re prepara la successione”
Esteri / Figlio del 7 ottobre, l’attivista israeliano Maoz Inon a TPI: “La guerra non fermerà il nostro sogno di pace”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Burkina Faso, attentato durante la messa nel nord-est: almeno 15 morti e 2 feriti
Esteri / Regno Unito, media: “Il tumore di Carlo III potrebbe essere più grave del previsto. Il re prepara la successione”
Esteri / Figlio del 7 ottobre, l’attivista israeliano Maoz Inon a TPI: “La guerra non fermerà il nostro sogno di pace”
Esteri / Israele minaccia di ritirarsi dall'Eurovision Song Contest 2024
Esteri / Guerra in Ucraina, spiragli di tregua: Kiev ventila la possibilità di invitare la Russia a un vertice di pace
Esteri / Usa, Donald Trump vince le primarie repubblicane in South Carolina ma la sfidante Nikki Haley non si ritira
Esteri / La Città Santa delle droghe: la piaga della tossicodipendenza a Gerusalemme Est
Esteri / Fattore Trump: così il possibile ritorno di The Donald alla Casa bianca allunga le guerre in Ucraina e a Gaza
Esteri / Netanyahu: "Voglio un accordo sugli ostaggi ma Hamas riduca le pretese". Usa, Sullivan: "Raggiunta un'intesa di fondo per una tregua"
Esteri / Reportage TPI – Non solo Gaza: viaggio nell’altra guerra ai palestinesi nei Territori occupati di cui nessuno parla