Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:36
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

I cittadini britannici chiedono la cittadinanza tedesca per rimanere nell’Unione

Immagine di copertina

Nel 2016 le domande sono state 480 a fronte delle 79 del 2015 e la crescita potrebbe essere legata all'avvio della Brexit

Il numero di cittadini del Regno Unito che risiedono in Germania sono circa 100mila. Molti di questi hanno fatto già richiesta per ottenere la cittadinanza dalle autorità di Berlino e godere delle libertà riconosciute a chi fa ancora parte dell’Unione europea. E il numero sembra essere in crescita dopo che la possibilità della Brexit si è fatto più consistente.

— Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Il 29 marzo 2017, la premier Theresa May ha dato il via alle procedure per l’uscita dall’Unione europea, a voluta dal popolo britannico con un referendum nel giugno 2016.

Secondo i dati pubblicati dal quotidiano Die Welt nel 2016, sono stati 480 i cittadini britannici che hanno fatto richiesta di cittadinanza tedesca. Nel 2015 erano stati solo 79. Il fenomeno riguarda soprattutto le città con più alto numero di stranieri: Berlino, Francoforte e Amburgo.

Le statistiche federali parlando 622 cittadini naturalizzati tedeschi nel corso del 2015. I requisiti per accedere alla cittadinanza sono la residenza nel paese con un permesso di soggiorno valido per almeno otto anni. Il periodo di tempo scende a tre se si è sposati con un cittadino tedesco. Chi fa domanda deve affrontare un test di lingua tedesca, dimostrare di non aver bisogno di sussidi e sbrigare una serie di pratiche burocratiche.

Il governo inglese sarà impegnato per due anni nei negoziati con le istituzioni europee. Il nodo dei cittadini europei residenti nel Regno Unito e di quelli britannici espatriati in altri paesi sarà centrale nel raggiungimento degli accordi. 

— Non restare fuori dal mondo. Iscriviti qui alla newsletter di TPI e ricevi ogni sera i fatti essenziali della giornata

Ti potrebbe interessare
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, gli Usa: "Israele ha più o meno accettato"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Riprendono a Il Cairo i negoziati di pace, gli Usa: "Israele ha più o meno accettato"
Esteri / Reportage TPI – Dentro la roccaforte di Hezbollah
Esteri / L’economista Zamagni a TPI: “Oggi le guerre sono figlie della ribellione del Sud Globale all’Occidente”
Esteri / Bombardamenti israeliani nel centro di Gaza: 17 morti. L'allarme dell'Oms: "Nella Striscia rischio carestia"
Esteri / Papa Francesco: “L’ideologia del gender è il pericolo più brutto”
Esteri / Strage di civili a Gaza: il filmato dei palestinesi accalcati intorno ai camion degli aiuti
Esteri / Nella Striscia di Gaza si sta consumando una catastrofe umanitaria senza precedenti
Esteri / Putin: “L’Occidente rischia di provocare una guerra nucleare che devasterebbe la civiltà”
Esteri / Macron dopo la strage della farina: “Orrore a Gaza, cessate il fuoco subito e aiuti”. Borrell: "Inorridito da massacro"
Esteri / Putin minaccia l’Occidente: “Fa rischiare la guerra nucleare”