Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

La città svedese che offre casa e sussidi ai foreign fighter

Immagine di copertina

Le controverse misure proposte dalla città di Lund, un famoso centro universitario nel sud della Svezia, hanno lo scopo di reintegrare gli ex jihadisti nella società

Le autorità svedesi vogliono sperimentare un programma di riabilitazione per i jihadisti, offrendogli casa, lavoro, istruzione e sussidi economici.

Le controverse misure proposte dalla città di Lund, un famoso centro universitario nel sud della Svezia, hanno lo scopo di reintegrare gli ex combattenti dell’Isis e altri miliziani nella società civile ed evitare che facciano ritornino all’estremismo.

Secondo l’assessore municipale Anna Sjöstrand, che si occupa dei programmi contro la violenza estremista, l’approccio con i disertori dell’Isis dovrebbe essere lo stesso adottato con coloro che lasciano il crimine organizzato o i gruppi neonazisti.

“Anche in termini di costi è molto più economico reintegrare una persona nella società piuttosto che abbandonarla”, ha spiegato Sjöstrand a Sveriges Radio.

A sostenere il programma di riabilitazione c’è anche il criminologo Christoffer Carlsson, che ha condotto per il governo svedese uno studio sui giovani estremisti che disertano i loro gruppi di appartenenza.

“Non capisco perché dovremmo trattare le persone che lasciano l’estremismo violento diversamente (dai giovani criminali comuni)”, sostiene Carlsson.

Altre città svedesi come Malmö, Borlänge e Örebro starebbero considerando l’approccio pionieristico di Lund.

Un recente studio ha dimostrato che la maggior parte dei foreign fighter dell’Isis provenienti dall’Europa aveva trascorsi criminali in patria, e che la propaganda jihadista si è concentrata proprio sui giovani in cerca di una forma di redenzione da piccoli crimini, intenzionati a salvare le proprie anime unendosi al sedicente Stato islamico.

Dalla Svezia sono partiti circa 300 foreign fighter e le autorità sospettano che almeno 140 tra questi sarebbero tornati in patria. Dopo la Francia, il Regno Unito, il Belgio e la Germania, la nazione scandinava è il paese con il maggior numero di estremisti che si sono uniti all’Isis.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Putin mi ha promesso che non ucciderà Zelensky”: il racconto dell’ex premier israeliano
Esteri / Papa Francesco, concluso il viaggio in Africa: “I cristiani possono cambiare la storia”
Esteri / La Cina minaccia “azioni in risposta” all’abbattimento del pallone spia che sorvolava gli Stati Uniti
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Putin mi ha promesso che non ucciderà Zelensky”: il racconto dell’ex premier israeliano
Esteri / Papa Francesco, concluso il viaggio in Africa: “I cristiani possono cambiare la storia”
Esteri / La Cina minaccia “azioni in risposta” all’abbattimento del pallone spia che sorvolava gli Stati Uniti
Esteri / Nonna si tatua tutto il corpo (tranne il viso): “Orgogliosa di essere una tela vivente”
Esteri / Stati Uniti, abbattuto il pallone-spia cinese. La Difesa: “Sorvegliava siti strategici”
Esteri / La svolta autoritaria di Netanyahu rischia di trasformare Israele in una democratura
Esteri / Dal gas ai fertilizzanti: così la guerra di Putin sconfina nel Sahara
Esteri / Ucraina, Corea, Taiwan, Africa, Medio Oriente: ecco tutte le guerre di cui dovremo preoccuparci nel 2023
Esteri / In Ucraina la strada verso l’escalation è lastricata di armi (di S. Mentana)
Esteri / Furto a luci rosse in Spagna: rubati sex toys placcati in oro 24 carati