Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Cisgiordania, raid dei soldati israeliani in un campo profughi: un palestinese morto

Immagine di copertina
Credit: EPA/ALAA BADARNEH

Cisgiordania, raid dei soldati israeliani in un campo profughi: un palestinese morto

Un palestinese è stato ucciso la scorsa notte in Cisgiordania, durante una retata dell’esercito israeliano in un campo profughi. Il 21enne Yunis Ghassan Tayeh è stato colpito dal fuoco dei militari israeliani alle prime ore di oggi, durante gli scontri scoppiati al campo di Far’a, tra Jenin e Tubas. I soldati erano entrati nel campo per arrestare un palestinese ricercato.

“Durante l’operazione, è stato lanciato un ordigno esplosivo improvvisato e sono stati sparati colpi di arma da fuoco contro le forze armate, che hanno risposto”, ha detto l’esercito israeliano.

La scorsa notte i soldati israeliani hanno arrestato 25 palestinesi in una serie di operazioni in Cisgiordania, in cui nessun militare dello stato ebraico è rimasto ferito. Recentemente le forze israeliane hanno aumentato gli arresti nei territori palestinesi, in risposta a un’ondata di attacchi che negli scorsi mesi ha causato 19 morti.

Secondo il ministero della Salute palestinese, almeno 90 palestinesi sono stati uccisi dalle forze israeliane dall’inizio dell’anno: tra questi anche la celebre giornalista di al-Jazeera Shireen Abu Akleh. uccisa a maggio da un soldato israeliano. Lunedì scorso l’esercito ha ammesso che la morte della giornalista, anche cittadina statunitense, era dovuto con “alta probabilità” a un errore di un soldato. Un’ammissione giudicata inadeguata dalla testata per cui lavorava Abu Akleh. “Questo è chiaramente un tentativo di aggirare l’apertura di un’indagine penale”, ha detto il responsabile della sede locale di al-Jazeera, Walid al-Omari.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Giorgia Meloni arriva Kiev: “L’Italia, l’Europa e il G7 al fianco della resistenza ucraina”
Esteri / Ma l’America ha lasciato sola l’Europa in Ucraina
Esteri / Elena Basile a TPI: “La tregua in Ucraina è ancora possibile”
Ti potrebbe interessare
Esteri / Giorgia Meloni arriva Kiev: “L’Italia, l’Europa e il G7 al fianco della resistenza ucraina”
Esteri / Ma l’America ha lasciato sola l’Europa in Ucraina
Esteri / Elena Basile a TPI: “La tregua in Ucraina è ancora possibile”
Esteri / L’ora della diplomazia in Ucraina, l’ex ambasciatore Francesco Bascone a TPI: “Dobbiamo tornare a trattare”
Esteri / Il tempo dell’insicurezza: dall’Ucraina a Gaza ormai a prevalere è la legge del più forte
Esteri / Gaza, il bilancio dei morti sale a 29.606 vittime. Consiglio Onu per i diritti umani chiede embargo sulle armi a Israele
Esteri / Navalny, ultimatum alla madre: funerale segreto o sepoltura in carcere
Esteri / Ucraina: gli Usa annunciano la più grande serie di sanzioni contro la Russia dall’inizio della guerra
Esteri / Germania: via libera dal Bundestag alla liberalizzazione della cannabis
Esteri / È nata un’app di incontri riservata a persone molto benestanti: come funziona “Score”