Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 14:17
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Medioriente, giornalista di Al Jazeera uccisa durante uno scontro a fuoco tra soldati israeliani e palestinesi in Cisgiordania

Immagine di copertina

Medioriente: giornalista di Al Jazeera uccisa in Cisgiordania

La giornalista di Al Jazeera Shireen Abu Aqleh è rimasta uccisa nel nord della Cisgiordania durante uno scontro tra soldati israeliani e palestinesi.

Secondo quanto riferito dal ministero della Salute palestinese, la reporter è stata raggiunta da un colpo d’arma da fuoco alla testa ed è deceduta. La giornalista, secondo quanto afferma l’agenzia palestinese Wafa, sarebbe rimasta uccisa durante un’operazione delle forze israeliane nel campo profughi di Jenin.

Nello scontro a fuoco è rimasto ferito anche un altro reporter: si tratta di Ali Samoudi, collaboratore del giornale palestinese Al-Kuds, le cui condizioni sono stabili.

Le circostanze della morte della donna appaiono ancora poco chiare. La stessa Al Jazeera ha fatto sapere che Shireen Abu Aqleh “stava seguendo gli eventi a Jenin, in particolare un blitz israeliano quando è stata colpita da un proiettile alla testa” così come mostrano alcuni video in possesso della testata.

L’emittente ha condannato l’uccisione della reporter, definendolo “un crimine atroce”, e ha puntato il dito contro “il governo israeliano e le forze di occupazione responsabili dell’uccisione della defunta collega Shireen”.

L’esercito israeliano, dal canto suo, ha fatto sapere che sta indagando sulla possibilità che i due giornalisti “siano stati colpiti da palestinesi armati”. A dichiararlo è stato il portavoce militare secondo cui nell’operazione a Jenin “c’è stato un massiccio fuoco di decine di palestinesi armati contro i soldati”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Chi sono i tre italiani rapiti in Mali: Rocco Langone, Maria Caivano e il figlio Giovanni
Cultura / In Bielorussia il governo vieta il romanzo “1984” di George Orwell
Esteri / “Putin circondato dai medici, curato anche tra una riunione e l’altra”: le nuove voci sul suo stato di salute
Ti potrebbe interessare
Esteri / Chi sono i tre italiani rapiti in Mali: Rocco Langone, Maria Caivano e il figlio Giovanni
Cultura / In Bielorussia il governo vieta il romanzo “1984” di George Orwell
Esteri / “Putin circondato dai medici, curato anche tra una riunione e l’altra”: le nuove voci sul suo stato di salute
Esteri / Sharm El Sheikh, bimba abruzzese di 13 mesi cade dal balcone e muore
Esteri / Guerra in Ucraina, Zelensky: "Nessun negoziato senza scambio di soldati dell'Azovstal". La Russia vieta l'ingresso a Biden
Esteri / I video dell’esecuzione dei civili a Bucha: le nuove prove pubblicate dal New York Times
Economia / Il paradosso delle sanzioni: dall’invasione l’Italia ha quadruplicato le importazioni di petrolio russo
Esteri / Sfida sui ghiacci: la guerra dell’Artico tra Nato e Russia
Esteri / La figlia di Putin sta con uno Zelensky: la relazione segreta di Katerina con il coreografo Igor
Cronaca / Mali, tre italiani e un togolese rapiti da uomini armati: sequestrata una coppia con bambino