Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:00
Pirelli Summer Promo
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Esteri

Cina, ecco chi sono i nuovi uomini chiave per il secondo mandato di Xi

Immagine di copertina
Il presidente della Repubblica Popolare Cinese, Xi Jinping, Credit: Afp

L'Assemblea Nazionale del Popolo ha nominato Liu He vicepremier con delega all'economia e Yi Gang governatore della banca centrale

In Cina il congresso annuale dell’Assemblea Nazionale del Popolo ha approvato la nomina di due figure chiave per l’economia del paese.

S&D

Liu He, economista molto vicino al presidente della Repubblica Popolare Xi Jinping, è stato investito della carica di vicepremier con delega alle politiche economiche e finanziarie, mentre Yi Gang, già vicegovernatore della Banca Popolare di Cina, è stato promosso al ruolo di governatore.

Le due nomine arrivano mentre Xi Jinping si avvia a iniziare il suo secondo mandato come presidente, accentrando su di sé sempre più potere.

Lo scorso 11 marzo 2018, infatti, l’Assemblea Nazionale del Popolo ha approvato l’eliminazione dalla Costituzione del limite del doppio mandato per il presidente della Repubblica Popolare Cinese, una riforma che permetterà all’attuale capo dello stato Xi Jinping di rimanere presidente a vita.

Liu He, 66 anni, finora è stato uno dei consiglieri chiave del presidente Xi Jinping, che conosce dall’adolescenza.

Al World Economic Forum di quest’anno, a Davos, in Svizzera, il suo profilo si è definitivamente imposto sul palcoscenico mondiale.

Nel suo discorso Liu ha ribadito l’impegno della Cina per la globalizzazione economica e i suoi sforzi per promuovere la crescita globale.

Conosciuto anche con il soprannome di “Uncle He”, è stato definito il cervello del cambiamento della Cina nella politica economica, che ha visto concentrarsi su una crescita più lenta ma più sostenibile, basata sul consumo piuttosto che sugli investimenti e su esportazioni alimentate dal debito pubblico.

Come vicepremier ci si aspetta da lui una politica economica orientata a ridurre il debito e all’apertura dei mercati finanziari.

Secondo gli analisti, la sua attenzione è concentrata su tre punti: risolvere i principali rischi nell’economia, contrasto senza precedenti alla povertà, lotta all’inquinamento.

La sua nomina arriva mentre gli Stati Uniti fanno pressing su Pechino affinché tagli il suo surplus commerciale di 100 miliardi di dollari.

Liu, che ha studiato ad Harvard, è stato l’inviato cinese più importante a visitare Washington di recente per prevenire lo scoppio di una guerra commerciale.

Gli altri tre vice premier con cui lavorerà sono Han Zheng, Sun Chunlan e Hu Chunhua.

Se la nomina di Liu He era considerata dagli analisti come scontata, più inaspettata è stata quella che ha visto Yi Gang salire alla guida della Banca Popolare di Cina (Pboc), la banca centrale cinese.

Entrato nella Pboc una ventina d’anni fa, ne è diventato vice-governatore nel 2008. Gang, 60 anni, è considerato molto vicino al capo uscente dell’istituto centrale, Zhou Xiaochuan.

La sua nomina è vista dagli analisti come un indicatore di continuità nella politica monetaria cinese, anche se la Pboc sta acquisendo considerevoli nuovi poteri di regolamentazione.

La Banca Popolare di Cina sta diventando uno degli organismi più importanti del paese, ma, a differenza di quanto avviene negli Stati Uniti e nella maggioranza dell’Occidente, la banca centrale cinese non opera in modo indipendente dal governo: Yi Gang dovrà riferire, dunque, al presidente Xi Jinping.

Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Ti potrebbe interessare
Esteri / Violenza e diritti umani in Colombia: da Montecitorio il sostegno alla Comunità di Pace di San José de Apartadó
Esteri / Regno Unito, due cavalli corrono liberi nel centro di Londra: almeno una persona ferita
Esteri / Esclusivo – Viaggio nell’Europa rurale, dove l’estrema destra avanza sfruttando il senso di abbandono
Esteri / Gaza: oltre 34.260 morti dal 7 ottobre. Media: "Il direttore dello Shin Bet e il capo di Stato maggiore dell'Idf in Egitto per discutere dell'offensiva a Rafah". Hamas diffonde il video di un ostaggio. Continuano gli scambi di colpi tra Tel Aviv e Hezbollah al confine con il Libano. L'Ue chiede indagine indipendente sulle fosse comuni a Khan Younis. Biden firma la legge per fornire aiuti a Ucraina, Israele e Taiwan
Esteri / Gaza: oltre 34.180 morti. Hamas chiede un'escalation su tutti i fronti. Tel Aviv nega ogni coinvolgimento con le fosse comuni di Khan Younis. Libano, Idf: "Uccisi due comandanti di Hezbollah". Il gruppo lancia droni su due basi in Israele. Unrwa: "Impedito accesso ai convogli di cibo nel nord della Striscia"
Esteri / Gaza, caso Hind Rajab: “Uccisi anche i due paramedici inviati a salvarla”
Esteri / Suoni di donne e bambini che piangono e chiedono aiuto: ecco la nuova “tattica” di Israele per far uscire i palestinesi allo scoperto e colpirli con i droni
Esteri / Francia, colpi d'arma da fuoco contro il vincitore di "The Voice 2014": è ferito
Esteri / Gaza, al-Jazeera: "Recuperati 73 corpi da altre tre fosse comuni a Khan Younis". Oic denuncia "crimini contro l'umanità". Borrell: "Israele non attacchi Rafah: provocherebbe 1 milione di morti". Macron chiede a Netanyahu "un cessate il fuoco immediato e duraturo". Erdogan: "Evitare escalation". Usa: "Nessuna sanzione per unità Idf, solo divieto di ricevere aiuti"
Esteri / Raid di Israele su Rafah: ventidue morti tra i quali nove bambini