Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:39
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Esteri

In Cina apre l’hotel degli orsi polari, proteste degli animalisti: “Devono vivere liberi”

Immagine di copertina

La scorsa settimana in Cina (per la precisione ad Harbin, nella provincia nord-occidentale cinese dello Heilongjiang, all’interno del parco tematico Polarland) è stato inaugurato uno degli alberghi più particolari, bizzarri e discutibili del mondo: il Polar bear hotel. “Mentre stai mangiando, giocando o dormendo gli orsi polari ti terranno sempre compagnia!”, il motto col quale la struttura si fa pubblicità. Ventuno camere, tutte con vista su una coppia di splendidi orsi bianchi, specie vulnerabile, cioè non ancora in via d’estinzione, ma quasi (sul pianeta ne sono rimasti soltanto tra i 20.000 e i 30.000 esemplari).

A proteggere i clienti delle grandi finestre costruite con 33 strati di vetro che – assicurano i gestori dell’impianto – permettono di addormentarsi serenamente accanto ai giganteschi mammiferi rinchiusi in cinquanta metri quadrati, illuminati da luci artificiali abbaglianti e circondati dalle mura dell’albergo a forma di iglù, sulle quali le rocce e la neve sono soltanto dipinte. Come base una lastra di ghiaccio e una piscina. In poche ore l’hotel ha registrato il tutto esaurito per le prossime settimane, nonostante i prezzi non proprio popolari (tra 240 e 290 euro a notte).

Proteste

“Gli orsi polari vivono nell’ artico, non in zoo o scatole di vetro con annesso acquario”, ha detto alla Reuters Jason Baker, vicepresidente dell’associazione animalista Peta. “In natura, questi animali sono attivi fino a 18 ore al giorno, vanno a zonzo per migliaia di chilometri quando conducono una vita degna di questo nome”. Numerose proteste sono arrivate anche da diversi cittadini cinesi, ma questo non ha fermato l’hotel. Un portavoce del China animal protection network ha infatti spiegato che “nelle normative cinesi sulla protezione degli animali ci sono delle falle che permettono il loro sfruttamento commerciale senza alcuna preoccupazione per la loro salute”.

Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Ti potrebbe interessare
Esteri / “Tassate noi ricchi”: a TPI parla l’ereditiera tedesca che propone la patrimoniale per colmare le disuguaglianze
Esteri / Tunisia: il presidente Saied si attribuisce poteri quasi illimitati. “È un colpo di stato”
Esteri / Draghi: "L'Italia donerà 45 milioni di vaccini ai Paesi più poveri"
Esteri / Germania, niente stipendio ai no vax in quarantena: “Perché devono pagare altri per chi sceglie di non vaccinarsi?”
Esteri / Elezioni in Germania: chi sarà il successore di Angela Merkel. La guida al voto
Esteri / Francia, candidato alle presidenziali attacca la Nutella: “Fa male ai bambini e all’ambiente”
Esteri / Condannato a 25 anni l’eroe di “Hotel Rwanda”: salvò 1.200 persone dal genocidio
Esteri / “Russia responsabile dell’assassinio di Litvinenko”: la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
Esteri / La disperazione di Haiti dopo il terremoto: il fotoreportage su The Post Internazionale
Esteri / Canada, Trudeau perde la scommessa delle elezioni anticipate: liberali al governo senza maggioranza